Una storia senza tempo

Non c’è dubbio che Graham Greene sia stato una figura importante nella letteratura del XX° secolo per le opere teatrali, le sceneggiature, i saggi e le critiche, così come per i thriller. Greene ha creato indimenticabili personaggi ed è stato probabilmente l’autore più volte “nominato” al Nobel, anche se non lo ha mai vinto.
Il nostro agente all’Avana” del 1958 per me è stato un’autentica sorpresa. Mi ha completamente spiazzato perché è un burlesco racconto di spionaggio e intrighi (ma anche un’arguta parodia della vita) davvero ben scritto, in rapido movimento e con dei personaggi molto umani. Indubbiamente una satira sui servizi d’informazione in generale e sui servizi segreti inglesi in particolare. Una storia senza tempo che potrebbe anche avere successo se conformata al giorno d’oggi.

Greene, nonostante il tono divertente, riesce comunque a dire alcune cose importanti sulle varie classi sociali di Cuba, sulla Chiesa cattolica e sull’assurdità delle relazioni internazionali.

L’eroe della storia è Jim Wormold, un venditore di aspirapolvere divorziato  e a corto di denaro nella Cuba prima di Fidel Castro.  

Sua figlia Milly di diciassette anni sta crescendo in fretta e ha bisogno di continue “sovvenzioni”. Così, quando il servizio segreto britannico lo recluta, inventa un intero mondo fatto di agenti segreti e intrighi internazionali solamente per mantenere il suo lavoro e aumentare il flusso di contanti.

Tutto ad un tratto, però, le bugie che ha inventato sembrano cadere come un castello di carte e la trama si infittisce, muovendosi a un ritmo vertiginoso.

La cosa strana è che agli occhi del lettore, che lo conosce meglio, Wormold è meno importante come agente dei servizi segreti e vale molto di più come essere umano.
Ero totalmente coinvolto mentre lo leggevo che mi sono ritrovato, spesso, a ridere ad alta voce.

Graham Greene, Il nostro agente all’Avana, 2002, 288 pagine, Mondadori  (collana Oscar scrittori moderni).

close
BookAvenue Newsletter

Hey, ciao 👋
Piacere di conoscerti.

La nostra newsletter arriva ogni mese. Iscriviti!, promettiamo di non abusarne

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Marco Crestani

"In una poesia o in un racconto si possono descrivere cose e oggetti comuni usando un linguaggio comune ma preciso, e dotare questi oggetti - una sedia, le tendine di una finestra, una forchetta, un sasso, un orecchino - di un potere immenso, addirittura sbalorditivo. Si può scrivere una riga di dialogo apparentemente innocuo e far sì che provochi al lettore un brivido lungo la schiena… Questo è il tipo di scrittura che mi interessa più di ogni altra. Non sopporto cose scritte in maniera sciatta e confusa…"(Raymond Carver)

Lascia un commento