tu sei qui: Home Letture
Letture
Letture

In questa sezione del sito raccogliamo il meglio delle nostre e vostre letture. Il libro vecchio o nuovo che ha animato le giornate di ognuno.

Scrivete le vostre recensioni a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. le pubblicheremo!

Se desiderate partecipare al nostro progetto leggete qui

Sabato, 04 Novembre 2006 16:28

Giancarlo Feliziani, Lo schiocco

copertinaGiancarlo Feliziani
Lo Schiocco. Storie dalla strage di Brescia
Limina

Giancarlo Feliziani torna ad occuparsi degli anni di piombo dopo la storia di Guido Rossa, l'operaio ucciso dalle BR in "Colpire al cuore", mettendo a fuoco una delle stragi dimenticate di quella nostra epoca che si apre con piazza Fontana per chiudersi, appunto, con la strage di Brescia. Un massacro inquinato dalla presenza di depistaggi e imbrogli dei corpi dello Stato, a partire da quella piazza lavata del sangue degli otto morti e dei 94 feriti tanto per coprire subito ogni indizio, ogni traccia di quella micidiale bomba.
Anche la strage di piazza della Loggia a Brescia è una strage fascista, ma in questo massacro appare ancora più evidente il ruolo omertoso e deviante dello Stato, a cominciare dalla presenza di un uomo in divisa, un ufficiale dei carabinieri, che farà carriera in fretta e lascerà le sue impronte nella lotta sporca al terrorismo, nella gestione dei “pentiti” di mafia, perfino nell’industria dei sequestri di persona.
Feliziani ha però un maniera originale di raccontare questa strage, anche questa a tutt’oggi impunita. Un modo di accostarsi alla vicenda fatto di rigore ed estrema delicatezza. Un modo di raccontare che porta alla memoria il lavoro del cronista di una volta, quando il clamore delle storie era solo un sottofondo allo svolgersi della ricerca della verità.
scelto da michele

Giovedì, 02 Novembre 2006 16:52

Massimo Mucchetti, il baco del corriere

copertinaMassimo Mucchetti,
Il baco del Corriere
Feltrinelli

E’ cosa dell’altro ieri. L’inchiesta giudiziaria avviata dalla procura di Milano che ha accertato l’intrusione nei computer del Corriere della Sera era partita dall’ufficio romano di una società satellite di Telecom.
Gli autori materiali di questa pericolosissima violazione sono rimasti per il momento ignoti. Nota, e non per fortuna ma grazie al prosieguo della attività investigativa, e’ l’emersione del groviglio degli interessi economici ed anche strategici che gravitano intorno alla prprietà del primo quotidiano italiano.
Non e’ stato sempre così: c’e’ stato un tempo nel quale la grande stampa italiana costiuiva un potere tra i poteri. Quella autonomia fu tolta fu dal fascismo. E da allora gli industriali proprietari delle testate ma senza alcuna “proprietà” sull’indipendenza delle direzioni e delle redazioni hanno preso pieno possesso delle testate.
Il filo rosso del libro e’ questo: attraverso la storia dei proprietari/azionisti del Corriere della Sera una riflessione su come gli interessi di fondo confliggono con quelli dell’indipendenza dell’informazione.
La domanda e’: ma conta di più la redazione o sono proprio le proprietà a contare, e anzi a fare il bello e il cattivo tempo? Ed e’ lo spunto per riflettere su come la storia dei giornali, di tutti i giornali, si intreccia da sempre con quelli dei potentati economici.
E questa non e’ una vicenda che riguarda il solo Corriere, ma di riflesso abbraccia tutta la questione dell’informazione nel nostro Paese e il peso che essa produce sulla democrazia.

Sabato, 21 Ottobre 2006 12:02

Isabel Allende, Inès dell'anima mia

copertinaIsabel Allende
Inès dell'anima mia
Feltrinelli

Un grande ritorno dell’Allende al romanzo famigliare che tanto entusiasmo a suscitato nei lettori di tutto il mondo. Inès, dotata di un forte temperamento che male si addice alla condizione femminile sottomessa all'autorità del clero e del maschio, lnés sposa, contro la volontà della famiglia, Juan de Malaga, che presto la abbandona per cercare fortuna nel Nuovo Mondo...
scelto da fabio

Domenica, 15 Ottobre 2006 17:29

Pulsatilla, La ballata delle prugne secche

copertinaPulsatilla
La ballata delle prugne secche
Castelvecchi

Questo libro si legge con le lacrime agli occhi, perché ridiamo per delle pagine intere, e talvolta piangiamo dalla tenerezza. Da Foggia a Londra, da Milano a Roma, una ragazza in cerca di risposte, o almeno di domande interessanti, di emozioni, di amore e di amori. L'idea dell'opera nasce da una semplice constatazione: non si è mai sentito un uomo che vorrebbe rinascere donna, non si è mai sentita una donna che vorrebbe rinascere donna. Tirate voi le somme.
scelto da michela

Pagina 82 di 84


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Classifiche

Vita di libreria

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.