tu sei qui: Home Ariete Ariete, Aprile 2011
Lunedì, 04 Aprile 2011 17:14

Ariete, Aprile 2011

Scritto da Paola Manduca

Dritti allo scopo, determinati fino in fondo, impregnati di una spregiudicatezza che rasenta la ferocia. Si può sapere che vi succede a voi dell’Ariete? Va bene tutto: lo stimolo alla competizione, l’arte di saperci fare, la guerra in nome della meritocrazia. Passi anche una certa sana, cattiva, furbizia ma così dimenticate una regola fondamentale: ciò che non succede ora, succederà e ciò che fate finta di ignorare, prima o poi busserà alla vostra porta.

La gente che sta bene, Federico Baccomo

Ora va di moda il revisionismo. Prendiamo Colombo, tutti a dire che è uno che alla fine ha sbagliato. E io dico allora: e se avesse fatto solo finta di sbagliare? L’America era sconosciuta a quel tempo. Avesse detto: «Vado in un posto sconosciuto», voglio vedere chi lo finanziava. A quei tempi ci volevano un sacco di soldi per viaggi del genere. Allora lui dice: «Vado in India.» «Ah, beh, l’India» dicono quelli, «eccoti le caravelle.» È un’ipotesi. Poi, chiaro, lì ci sono tutti i problemi della storia ufficiale, interessi da tutelare, archivi segreti. E poi anche se avesse sbagliato, signori, ha trovato l’America. Voglio vedere quando sbagliate voi.

 

Letto 5983 volte
Altro in questa categoria: « Ariete, Marzo 2011 Ariete, Maggio 2011 »
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Vita di libreria

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.