tu sei qui: Home Visualizza articoli per tag: einaudi
Venerdì, 29 Luglio 2011 18:14

Martin Amis ha rotto le scatole

La copertina de  La vedova incintadi Mario Fortunato

E' bravissimo, certo, è un virtuosista della parola. Ma nell'ultimo romanzo la tira in lungo per 400 pagine attorno a una sola questione: la protagonista femminile gliela darà o no al protagonista maschile?

Pubblicato in Letture
Mercoledì, 27 Luglio 2011 12:23

La morte di Agota Kristof

Apprendiamo la notizia da oubliettemagazine.

Ed ecco l’Italia: tanti scrittori, tanti lettori, tanti giornalisti eppure nessuno tratta della morte di una notissima scrittrice, una delle più interessanti: Agota Kristof.
Agota Kristof nasce il 30 ottobre del 1935 a Csikvànd in Ungheria.
La lingua che ha utilizzato per le sue opere è il francese che come seconda lingua, ella stessa sosteneva, non riusciva a padroneggiare alla perfezione, erano frequenti infatti gli errori, questo portò la graziosa definizione per se stessa di “analfabeta”.

Pubblicato in Elzeviri
Venerdì, 03 Giugno 2011 07:18

Mario Vargas Llosa. Il sogno del celta

''Scorgo una preoccupante deriva culturale. Il nostro tempo sembra correre cantando verso la frivolezza e la banalizzazione. La cultura ha perso la sua nobilta’, sta diventando intrattenimento''.
Lo afferma lo scrittore peruviano Mario Vargas Llosa, premio Nobel per la Letteratura nel 2010, in un’intervista a ‘La Stampa’, nel giorno della presentazione a Torino del suo ultimo libro ‘Il sogno del celta’.

''La cultura - dice lo scrittore - è anche divertimento, ma se è solo divertimento non è più cultura. Stiamo assistendo alla vittoria dell’immagine, all’imposizione di forma di intrattenimento che devono essere forzatamente facili e accessibili alla maggioranza delle persone. Questa smania di semplificazione ha fatto sì che lo stesso termine 'cultura' perdesse il suo significato originario. E intravedo il pericolo che non solo disimpariamo a discernere, appunto, tra categorie come bello e brutto, ma addirittura buono e cattivo. Così l’idea di una cultura alla portata di tutti ha condotto al collasso i valori con i quali si giudicava la cultura stessa”, aggiunge Vargas Llosa, che annuncia di essere al lavoro su un saggio che affronti questo tema.

Pubblicato in Elzeviri
Domenica, 25 Maggio 2014 09:45

Jonathan Franzen, Libertà.

copertinaScuserete, ancora una volta, le lungaggini sentimentali che dedico ogni volta alle mie cronache di lettura. Chiedo perdono e pazienza in anticipo: vorrei davvero coinvolgervi in questa scoperta che è Jonathan Franzen, un autore straordinario e del suo libro Libertà, salutato come un capolavoro e decretato tale dai lettori prima che di tutta la critica internazionale.

Una decina di anni fa notai un romanzo Einaudi appena uscito. Fui colpito essenzialmente dal titolo, Le correzioni, e dalla copertina, la foto di un bambino degli anni ’50, seduto a tavola, con un’espressione imbronciata. Non sapevo niente di Franzen, e nessuna delle persone che conoscevo lo aveva mai letto. Il libro in prima edizione però, sembrava enorme allora decisi di comprare un altro libro suo, La ventisettesima città, che in tascabile appariva più corto. Mi promisi: prima leggo questo, se mi piace, proseguo con Le correzioni.

Pubblicato in Reading room
Sabato, 23 Aprile 2011 16:41

Josè Saramago, Le piccole memorie

copertina"A volte mi chiedo se certi ricordi sono davvero i miei o se sono solo di qualcun altro.I ricordi di episodi in cui sono stato solo un attore inconsapevole e che ho scoperto dopo, quando mi è stato detto da altri".
Chi non si è mai sentito in questo modo? Ci si chiede se un ricordo è venuto da una fotografia, da una storia riferita o da un fatto vero?
José Saramago, spinto dalla nostalgia per il villaggio in cui è nato ma anche per un ricordo che teme di aver perso, va faticosamente indietro e torna sui suoi primi ricordi. A volte scrive in terza persona, a volte in prima. Alcuni eventi sono più vivaci di altri - riposte nella coscienza della sua lunga vita, dal dolore o la bellezza o l'intensità dei sensi. Gli ulivi e i campi di grano a sè molto cari, la crudeltà dei bulli, le ginocchia sbucciate, i vari fidanzamenti, come ha imparato a leggere, la morte del fratello di 4 anni, Saramago sale queste montagne interiori in cerca di una vista migliore. "Se solo potessi ancora una volta immergere la mia nudità d'infanzia nel fiume, se avessi potuto cogliere nelle mani di oggi il lungo quel lungo palo umido o i remi di quel passato, e muovere attraverso la pelle liscia dell'acqua la barca utilizzata per portarmi ai confini del sogno, l'essere che ero allora e che ho abbandonato da qualche parte nel tempo". Tutta la sua magnifica vita è per i lettori che l'hanno amato una esperienza indimenticabile.

Pubblicato in Letture
Venerdì, 18 Marzo 2011 18:40

Hiromi Kawakami, La cartella del professore

Il primo incontro tra un professore e la sua giovane ex-allieva in un ristorante sancisce l'inizio di un rituale che durerà settimane. Le settimane si trasformeranno in mesi e i mesi in anni.
Una scoperta scandita da tazze di sakè, zuppe, alghe e pesce, dall'atmosfera vellutata di Tokyo, che muta stagione sotto gli occhi schivi del professore e sotto la pelle ancora giovane della sua ex-allieva. I piatti della delicata cucina giapponese accompagnano gli incontri mai programmati, ma non per questo meno frequenti, di due persone così diverse eppure simili nella quiete accettazione della propria solitudine, seve a chiarire dubbi e fraintendimenti.
Una melodia leggera, un equilibrio perfetto, una scrittura ricca di quell'elegante sensibilità tutta giapponese capace di catturare in pieno la dolcezza della vita prima che sfugga.
Bellissimo.

Pubblicato in Letture
Sabato, 26 Febbraio 2011 19:04

Nella Chiesa c'è chi dice no

copertina

di Michela Murgia

In un paese come l'Italia, l'unico al mondo dove ogni mercoledì quel che dice il Papa alla sua udienza settimanale è considerato notizia degna di rilievo da telegiornale, non poteva che passare sotto silenzio l'avvenimento che ha invece scosso l'informazione di mezza Europa: ai primi di febbraio 143 teologi austriaci, tedeschi e svizzeri hanno firmato un documento di dissenso interno alla Chiesa e lo hanno reso pubblico sui principali quotidiani.

Pubblicato in Letture
Martedì, 14 Dicembre 2010 15:03

Prove di risposta.

copertinaAvevo promesso a Marco Crestani una risposta. Eccola.
Avvertimento ai lettori: mi sono spinto un pò più in là con le parole. Alcune di queste potrebbero sembrarvi delle vere e proprie parolacce. Secondo me non lo sono, essendo queste, inserite in una - diciamo così - economia del discorso più generale. I tutori del protocollo Internet e Minori sono avvisati.

Pubblicato in Reading room
Lunedì, 06 Dicembre 2010 09:37

Matto o santo folle?

Ogni libro di Ian McEwan è una lettura obbligata, se non altro per godere della sua notevole capacità narrativa. "Solar" è di sicuro un buon romanzo, ma, secondo il mio punto di vista, non è affatto un grande romanzo.
E' una storia surreale su una delle più gravi minacce al nostro mondo come il riscaldamento globale e, a differenza di qualsiasi suo scritto precedente, è dichiaratamente comico.

Pubblicato in Storie
Domenica, 05 Dicembre 2010 14:50

Una notte di Hanukkah

copertina“ Era l’ottava notte di Hanukkah e nel nostro candelabro ardevano otto fiammelle. Fuori c’era una spessa coltre di neve. Anche se la stufa era bollente, sui vetri delle finestre si erano formati arabeschi di ghiaccio …”
Hanukkah è la festa ebraica in cui i bambini ricevono i regali. In questo ricorda il Natale cristiano.
Otto brevi storie, molto intense e suggestive, tutte ambientate nella provincia ebraica polacca durante le otto notti della festa di Hanukkah, anche se in  momenti storici diversi, dove la felicità della ricorrenza si mescola con la drammaticità di molti avvenimenti come quelli accaduti durante la seconda guerra mondiale e la sacralità dei riti delle tradizioni si fonde con il piacere dell'avventura prodigiosa e fiabesca.
Otto splendidi episodi scritti dal Premio Nobel per la letteratura: Isaac Bashevis Singer.


Otto storie, per otto notti, per ciascuna delle otto candele del candelabro che viene acceso in questo periodo. Otto come il numero simbolico  che nella tradizione ebraica rimanda a ciò che va al di là delle leggi della natura e simboleggia la redenzione.
Un libro denso, per scoprire le tradizioni religiose di culture diverse dove la vera forza sta nel racconto, nella voce narrante  dai toni profondi  e vellutati,  a volte tremolante come la fiammella della candela perché impedita dal pianto altre volte sussurrata, quasi volesse svelare segreti celati nel tempo che vanno tramandati, una voce che sembra danzare danti al tepore di un focolare che crea un’atmosfera incantata e sospesa dalle frasi molto evocative: “Accadde circa dieci anni fa…”, “Era usanza...”, “Cinque fiammelle bruciavano nel candelabro di Hanukkah…”, “Tre luci ardevano nella menorah del vecchio Reb Berish...”, “Fuori c‘era la neve e il gelo…”
In questa atmosfera si muovono i protagonisti: soprattutto bambini e giovani, in momenti difficili delle loro vite, che superano grazie a piccoli miracoli che accadon proprio nelle notti di Hanukkah.
Apparentemente lontani dai nostri ragazzi, perché giovani di epoche diverse, in realtà sono possessori delle stesse caratteristiche che contraddistinguono i giovani di ogni tempo: l’impulsività, la forza e la fiducia nel futuro, dalla storia di salvezza di David e Rebecca, durante la seconda guerra mondiale, a quella del pappagallino Dreidel , ambientata in tempi molto più recenti, alla misteriosa guarigione di Falik, in un tempo lontano e indefinito.
Otto storie di speranza nel bene, nella parte più nobile del genere umano anche quando si fatica a trovarla, ma ben guardare esiste:”A volte il cielo tutto si trasforma in una lampada ultraterrena di Hanukkah, con le stelle come luci. Ho raccontato il mio sogno ad un rabbino e lui mi ha detto: « L’amore nasce dall’anima e le anime emanano luce»…”

L’Autore

Isaac Bashevis Singer magnifico autore di celebri romanzi e libri premiati in tutto il mondo, ha vinto il premio Nobel per la letteratura nel 1978 con il romanzo Lo Schiavo. Singer, ebreo polacco, fu costretto ad emigrare negli Stati Uniti per sfuggire alle persecuzioni razziali, nel 1935. Nei sui scritti, la componente della tradizione ebraica yiddish è fortemente presente. Il titolo stesso di questo libro scritto per i più giovani conferma il legame dell’autore con le sue radici: Hanukkah è infatti, come si può leggere nelle note al testo presenti nell’edizione Einaudi, la festa ebraica in cui si celebra la purificazione del tempio di Gerusalemme in seguito alle profanazioni da parte dei Greci. Una curiosità: dal romanzo di Singer Yentl è tratto l’omonimo film con Barbra Streisand.
Fabian Negrin è nato nel 1963 in Argentina e vissuto fino ai diciotto anni in Argentina. Laureato in Messico si trasferisce nel ’89 in Italia dove attualmente abita. Lavora prevalentemente nell’ambito dell’editoria per ragazzi per l’Italia e l’estero.
Fra i libri da lui illustrati ricordiamo: Storia del re Kabul e dello sguattero Gauwauin di Max Jacob e Il cavallo alato di Silvina Ocampo per Mondadori; Il Nataledi Dylan Thomas e Breve storia del mondo di Gombrich per Salani; The Selfish Giant di Wilde per Bloomsbury; Una notte di Hanukkah di Singer per Einaudi Ragazzi; The Secret Footprints di Julia Alvarez per Alfred Knopf,Wizard Tales di Fiona Waters per Pavilion Children's Books. Ha scritto i seguenti libri: Lerolero e altre storie per Mondadori e Il Gigante Gambipiombo, Molto nuvoloso,Il mondo invisibile, Fumo negli occhi, Una rapina da quattro soldi e Occhiopin per Orecchio Acerbo Editore.

Scheda tecnica

Titolo: Una notte di Hannukah
Autore: Isaac Bashevis Singer
Illustratore: Fabian Negrin
Editore: Einaudi
Collana: Einaudi Ragazzi
ISBN:8879263811
Codice EAN: 9788879263818
Pagine: 120
Formato: brossura
Prezzo: indicativo €.8,00
Età di lettura: (10+).

Pubblicato in Piccoli lettori crescono
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»
Pagina 8 di 13


 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.