tu sei qui: Home Storie Il difficile mestiere di scrivere
Venerdì, 30 Giugno 2017 13:53

Il difficile mestiere di scrivere

Scritto da Marco Crestani

Da leggere tutte d'un fiato queste riflessioni sulla scrittura e sulla vita (che nonostante tutto resta un mistero) dello stupefacente Murakami Haruki tratte da una serie di conferenze mai tenute in pubblico (come era già successo con "L’arte di correre").

Quello che più conta, scrive Murakami, è vedere ciò che ci circonda e non esprimere un giudizi perché anche la cosa più semplice può diventare la più difficile da comprendere. Perché gli aspetti più importanti della vita sono spesso nascosti dalla loro semplicità e quotidianità. Perché è necessario andare oltre l’ovvio, togliere dalle cose la polvere della banalità e dell’oblio.

 

 

Bisogna quindi intraprendere dei viaggi di scoperta e osservare tutte le persone, anche quelle che non ci piacciono.

Il reale si nasconde alle spalle dell’ovvio, dentro i conglomerati incongrui di dati sensibili, affettivi o concettuali che bloccano o rallentano il metabolismo mentale. All’inizio di un viaggio letterario, ci spiega Murakami, non si sa ancora dove si deve andare e cosa si deve cercare. Allora ci si deve spesso aiutare con strumenti intuitivamente promettenti che danno il "la" - ma solo il "la" - come metafore, giochi combinatori di immagini e concetti, variazioni di prospettiva.

CIT. "Quando ricevetti il premio Gunzō per scrittori esordienti avevo già trent'anni, e una certa esperienza di vita, anche se non si può proprio dire che fosse sufficiente. Comunque un'esperienza un po' diversa da quella che hanno mediamente le persone. Di solito la gente si laurea, trova un lavoro e dopo un po' di tempo si sposa. Anch'io all'inizio avevo l'intenzione di seguire questo percorso. O piuttosto, ero convinto che grosso modo sarebbe andata cosi, perché questo è più meno l'ordine naturale delle cose, nella società giapponese. Non avevo nemmeno un forte desiderio di andare controcorrente rispetto al senso comune, bene o male che fosse. Invece è andata a finire che prima mi sono sposato, poi per necessità mi sono trovato un lavoro, e solo dopo mi sono laureato. Insomma, ho fatto tutto al contrario Questo è il corso che hanno seguito gli eventi, perché non sempre nella vita va nel modo previsto. …"

 

per BookAvenue, Marco Crestani

 

Haruki Murakami,
Il mestiere dello scrittore,
traduzione di Antonietta Pastore,
Frontiere Einaudi 2017

Letto 1311 volte
Altro in questa categoria: « Il ritorno Dedicato a chi sta fuggendo »
Devi effettuare il login per inviare commenti


I piccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

Media



Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione.
Proseguendo nella navigazione del sito, acconsenti all'utilizzo degli stessi. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.