tu sei qui: Home Elzeviri Alberto Bevilacqua nei Meridiani
Domenica, 06 Giugno 2010 10:32

Alberto Bevilacqua nei Meridiani

Scritto da

copertinaE' uscito il Meridiano di Alberto Bevilacqua. I primi sette romanzi, la scatola nera dell'opera di uno dei più grandi scrittori del nostro tempo.
L'arrivo ai Meridiani è il riconoscimento all'uomo, alla personalità, allo scrittore, alla sua appartenenza alla nostra civiltà culturale il cui lavoro si è espresso sempre in maniera non comune e con grande indipendenza intellettuale. Curato e introdotto da Alberto Bertoni, il Meridiano Bevilacqua «Romanzi» offre anche una cronologia redatta da Antonio Franchini, cronologia che è un vero e proprio racconto di un figlio del secolo. E pochi nostri narratori del Novecento possono, ritengo, ambire a simile sostanza.

Bevilacqua ha raccontato, parlando dell'amore verso la sua Parma, che proprio in quell'ambiente, in quei luoghi,  ha maturato quella vocazione al romanzo dove ha sempre dimostrato, e qualche volta ostentato, il staccarsi e ricongiungersi incessantemente con la sua città culla, madre e radice di tutte le sue avventure. Che si sono trasformate, col tempo, anche in poesia: «La polvere sul'erba» (del '55, ripubblicata nella versione del 2008), «Una città in amore» ('62) qui  nella versione 1970, «La Califfa» ('64), «Questa specie d'amore» ('68), «L'occhio del gatto» ('60) qui nella versione del '90, «Una scandalosa giovinezza» ('78), «I sensi incantati» ('91). Dunque: le radici, come dicevo, il capolavoro, costantemente rifornito di linfa e di occasioni, con i due libri imperdibili, «La Califfa» e «Una scandalosa giovinezza», forse il migliore romanzo di Bevilacqua, la narrazione nella quale la favola e le insidie si sono fuse in una stregata realtà.
Il perimetro di questa operosa presenza resta lineare, e da vicino, quasi di dentro, appare così: «La Califfa» esamina il conflitto tra borghesia e proletariato e diventato negli anni un libro che ambisce al "classico": un vero capolavoro di romanzo civile. «L'occhio del gatto» con dieci anni di storia spiati dall'angolo della violenza e dell'ingranaggio tecnologico. «Questa specie d'amore» ripropone il dissidio tra Federico e Giovanna che si odiano e si amano  tra  pericoli e speranze. «Una scandalosa giovinezza» è ancora oggi il poema compiuto perché s'intride di estri, sanguigne passioni, piaghe nascoste, e, insomma «di quella cosa che chiamano vita. E che poi non si sa». Zelia è il più bel personaggio inventato da Bevilacqua, è il più antico e nuovo insieme, è personaggio di romanzo, di famiglia, di mistero e di virtù, anche quando incontra «gente senza storia, già condannata dalla storia del mondo».
Ma Bevilacqua è così. Attorno ai suoi protagonisti avviluppa sempre un reticolo di segrete partecipazioni personali (la poesia ce ne dà piena  giustificazione) che non sono soltanto il suo grande Io, ma anche il tentativo di redigere un codice dell'indignazione e della sopportazione morale con le quali il narratore cerca di compiere un dovere, il suo dovere di testimone.
I sette romanzi del Meridiano portano Parma al centro, sempre. Alberto  o le sue controfigure vi arrivano, vi permangono, ne ripartono, vi ritornano (sposati, divorziati, separati, padri, figli che siano), colgono gli umori del tempo che filtrano tra le piazze e le case dell'Oltretorrente, nelle osterie, sui marciapiedi del centro, nei salotti borghesi dove l'umano spirito si purga e trama, e guadagna e si compromette. 
A tratti, si scorgono i margini del laboratorio di scrittura, come un vero e proprio marchio di fabbrica dell'autore costruiti sulla traccia dei grandi maestri della nostra letteratura: D'Annunzio, ma anche il più contemporaneo Savinio per non parlare del fatto che anche la musica ne abbia influenzato, e molto, il carattere; uno per tutti: Gioacchino Rossini. Non a caso, nei suoi libri, ci si trova invischiati nel solenne rituale realistico; in altri momenti si avverte come un sottile, crepuscolare rimpianto, un addio sempre rimandato e il ritmo del «viaggio misterioso», tra vita e morte, che troverà poi in anni più recenti il toccante cordoglio della poesia alla madre, altro insuperato esempio di umanità e di «pietas».
Ma quanto ancora adesso stupisce e incanta trovando i testi in sequenza cronologica fra gli anni Sessanta e Novanta (riscritture comprese) è la separatezza piuttosto evidente che Bevilacqua vuole conservare tra sé e le mode letterarie, come ha più volte sostenuto: «Le mode sono facili. Le verità, no».

Letto 2843 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.