tu sei qui: Home Letture Jonathan Safran Foer, Ogni cosa è illuminata
Martedì, 08 Maggio 2012 16:13

Jonathan Safran Foer, Ogni cosa è illuminata

Scritto da Sivia Bertolotti

COPERTINA LIBROChi, dopo aver superato lo scoglio dei primi capitoli, riesce ad avventurarsi oltre, troverà in questo libro emozionanti sorprese, sia letterarie che narrative.
Nonostante le difficoltà iniziali, come dicevo, poiché le sperimentazioni stilistiche che questo romanzo attua sin dalle prime pagine non si possono certo definire semplici e scorrevoli, il viaggio caleidoscopico che s’intraprende in seguito vale tuttavia lo sforzo.
Ogni cosa è illuminata di Jonathan Safran Foer, plaudito come il primo vero romanzo sperimentale americano del 21esimo secolo, è stato pubblicato nel 2002 e poi tradotto in Italia nel 2005. Come spesso accadde, al pubblico è piuttosto noto il film, ma il valore aggiunto è senza alcun dubbio, quello letterario in senso stretto.
Anche perché ritengo, mai come in questo caso, libro e film sottolineino piuttosto aspetti diversi della vicenda. Il titolo del libro è una citazione tratta da ‘L’insostenibile leggerezza dell’essere’ di Kundera, il che ci conferma la coscienza letteraria dell’autore senza pero’ poter avvicinare le estetiche dei due autori.

Safran Foer ha voluto sperimentare la forma romanzo come in un certo senso l’avevano fatto prima di lui, stravolgendone i canoni, Joyce o Dos Passos, per citare giusto i nomi più importanti. Ma non siamo più al tempo delle avanguardie, non si tratta di rivolta, ribellione e senso di liberazione. Nel duemila, la sperimentazione si presenta come un’inevitabile condizione artistica . Di sicuro rimane l’originalità a marcare il valore artistico di questo testo.
Un romanzo che si racconta attraverso tre stili diversi, tre voci narrative diverse, tre orizzonti temporali e geografici diversi e soprattutto 3 forme di narrazione diverse che convergono nell’unicità del plot e nel sorriso intelligente dell’autore, che conferisce a uno dei protagonisti i suoi stessi dati anagrafici (e biografici); egli non é tuttavia più narratore onniscente super partes di tipo Ottocentesco, ma parte della storia stessa! Tanto per confonderci le idee un po’ di più.
Questo sistema a incastri rende, oserei dire, il testo l’unico esempio di narrativa cartacea che riproduce le sperimentazioni della letteratura elettronica o digitale contemporanea. Una sorta di ipertesto o iperomanzo su carta. Perche’ le parti si combinano, in maniera fluida, con un ritmo che è quello del viaggio che il protagonista intraprende nell’Ukraina realistica, assurda e surreale dei nostri giorni, alla ricerca di tracce del nonno e della ragazza che lo salvo’ dai nazisti, e parallelamente nell’Ukraina di Fine Settecento dove la storia della sua famiglia, i Safran, ebbe origine.
I personaggi che ci guidano in quest’avventura sono approcciati con (auto) ironia; essi sono i protagonisti delle vicende e delle loro piccole grandi storie personali, che s’intrecciano con la “Storia” loro malgrado. Solo l’autore rimane un po’ nascosto, quasi ad essere pretesto per illuminare anch’egli l’umanità che le persone inaspettattamente portano dentro di sé e che ognuno comunica coi suoi mezzi e possibilità. Inevitabilmente, date le origini ebraiche dell’autore, la storia si macchia di tragedia, soprattutto per quanto riguarda le vicende del nonno vissuto durante la seconda guerra mondiale. Ma anche lo sguardo sugli orrori del Nazismo si fa originale, intenso e per nulla stereotipato.
E lo stile, in un crescendo di sperimentazione, raggiunge livelli di lirismo e poesia finali, davvero unici e originali nel panorama contemporaneo della prosa, stravolgendo forme sintattiche e strutture della frase, in un apogeo che gioca anche su aspetti visivi e sonori.
L’accento a mio avviso é posto sulla dimensione temporale dei nostri vissuti, il passato visto come trama esistenziale che avvolge la nostra vita dal più piccolo dettaglio quotidiano alla più profonda emozione. Perché il passato solo illumina il nostro presente e il senso delle nostre vite, anche quando sono fatte di gesti più o meno significanti.

 

per BookAvenue, Silvia Bertolotti

Letto 5040 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.