tu sei qui: Home Letture Enzo Bianchi, Il pane di ieri
Giovedì, 04 Giugno 2009 17:16

Enzo Bianchi, Il pane di ieri

Scritto da

Quando a Mantova al Festival della letteratura tenne un incontro pubblico, Enzo Bianchi, priore della comunità monastica di Bose, scelse di parlare del pane, frutto della terra e del lavoro dell'uomo. Natura e cultura. Parlò della forma del pane di una volta, grande e che durava giorni e che si tagliava quando tutti erano a tavola e si condivideva. Non come i micropanini di oggi, fatti per vite solitarie e sole.

Quelle riflessioni sono anche nel suo libro Il pane di ieri (Einaudi). Il pane, il vino delle terre in cui è nato, i padri duri e severi della sua infanzia, i modi di dire che ha la gente del Monferrato e del Piemonte in genere per descrivere il mondo, la centralità assoluta del lavoro e il tempo che passa, le acciughe venute da lontano e finite nella bagna cauda. E la fede, certo, Bianchi è uomo di fede e di conoscenza delle scritture. Che ovviamente lo accompagnano e lo aiutano a rispondere alla grande domanda di questo libro: aver svolto o meno il suo compito, se tutto quello che ormai è divenuto ricordo sia servito per vivere una vita piena. Se il pane di ieri sia buono domani, come dice un proverbio delle sue parti. Se si possa imparare a vivere e a morire dicendo semplicemente "l'è ura d'andé", è ora di andare, lasciandosi dietro la gioia e i dolori.

 

Letto 1768 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.