Nina e i diritti delle donne

Ti sentirai dire che essere giovani all’inizio del terzo millennio è molto duro. Che troverai lavoro con difficoltà in un mondo in cui la sicurezza economica traballa. C’è del vero naturalmente, ma non è una legge di natura. Dipende da ciascuno di noi scegliere chi ci governa, orientare lo sviluppo e la tutela dei beni comuni, distribuire la ricchezza in modo da evitare le ingiustizie. E dipende dalle ragazze e dalle donne battersi per la propria libertà e per una civiltà che la rispetti. […] Tocca farlo con gli occhi aperti e la mente sveglia”…

 

La storia di Nina e delle donne della sua famiglia raccontata durante un viaggio in traghetto è la storia di tutte le donne italiane, delle loro battaglie, dei loro sacrifici per acquistare quei diritti civili fondamentali per una moderna società equa.

 

Un piccolo racconto che si inserisce nella grande storia di tre generazioni 1946 ad oggi.

Oggi i bambini e le bambine posso scegliere cosa fare da grandi. Ma in Italia, solo 45 anni fa, alcune professioni erano vietate alle donne: come la magistratura e altre ancora nei pubblici uffici.
Attraverso la voce di Nina e la storia della sua famiglia, il racconto di come è cresciuta l’Italia attraverso l’evoluzione dei costumi, delle donne e della società intera: per mostrare ai giovani lettori e lettrici che niente si può dare per scontato e che tanti diritti, che oggi sembrano ovvi, sono in realtà frutto di grandi battaglie avvenute pochi anni fa e che non vanno dimenticate! Soprattutto per non tornare indietro.
Un libro utile, molto illustrato e colorato, con voci e ritratti di donne che meritano di essere conosciute e ricordate da Fiorenza De Bernardi la prima pilota civile nel 1967, a Samantha Cristoforetti  unica donna tra i 14 astronauti dell’ESA , agenzia spaziale europea.
Nina e i diritti delle donne, un libro avvincente come lo è la storia della donna, da regalare a Natale e sempre per capire da dove veniamo e stiamo and andando.

Le Autrici

Cecilia D’Elia, laureata in filosofia, vive a Roma e ha due figli, Federico e Giovanna.Ha pubblicato numerosi articoli sulla politica delle donne. Impegnata da qualche anno nel governo locale, è attualmente vicepresidente e Assessore alle politiche culturali della Provincia di Roma.

Rachele Lo Piano, si è diplomata all’Accademia di Belle Arti di Roma, poi si è laureata in Lettere, fa la grafica, cuce e frequenta a tutto spiano corsi di cucina e filosofia.

Scheda tecnica:

Titolo: Nina e i diritti delle donne
Autore: Cecilia D’Elia
Illustratore: Rachele Lo Piano

Editore: Sinnos
Collana: Nomos
Anno di Pubblicazione:
2011
Codice EAN: 978-88-7609-204-6
Pagine: 80
Formato:
brossura, illustrato
Prezzo:
indicativo € 15,50.
Età di lettura:
( 11 + ).

isabella paglia

Sono un'autrice di libri per bambini e ragazzi. Ho vinto vari premi di Letteratura alcuni molto importanti come:"IL PREMIO NAZIONALE LETTERATURA  PER L'INFANZIA GIACOMO GIULITTO - Critici in erba" - 2014; Il 25 marzo 2014, nell'ambito della Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna, ho ricevuto il prestigioso PREMIO PIPPI- narrativa per ragazzi  sezione inediti con il romanzo: "La Grande Sfida". Sono vincitrice del 14^ Concorso Internazionale Syria Poletti - Città di La Réole per libro rivolto ai bambini da 0 a 12 anni e Finalista del Soligatto - Premio Nazionale di Letteratura per l'Infanzia, anche caporedattore per il web magazine Book Avenue, redattrice, collaboratrice per  molti altri giornali e riviste destinate ai più giovanicome Super G! ma soprattutto instancabile cantastorie e sostenitrice dei diritti dei bambini.

2 pensieri riguardo “Nina e i diritti delle donne

  • 18 Dicembre 2011 in 10:50
    Permalink

    interessante questo libro, sicuramente da tenere in considerazione per mia figlia, grazie del suggerimento, all’avanguardia e contro-corrente!buona domenica!

  • 18 Dicembre 2011 in 13:14
    Permalink

    Buona domenica anche a te! E’ un libro che ogni donna piccola, in divenire o già grande dovrebbe avere 🙂 Utile soprattutto

Lascia un commento