tu sei qui: Home Cross selling Meno di una Coca Cola. Il mercato dei libri nel mondo
Giovedì, 04 Giugno 2009 08:45

Meno di una Coca Cola. Il mercato dei libri nel mondo

Scritto da Sergio Auricchio

Parola d'ordine: concentrazione.

Il valore del mercato del libro nel mondo, compreso quello scolastico, è di 70 miliardi di euro. Considerando che questa cifra rappresenta meno del fatturato della Pepsi Cola e Coca-Cola, già la dice lunga su quanto pesi la cultura libraria nel mondo.
Ma l'aspetto più inquietante è che i primi dieci gruppi edioriali, coprono il 51% dell'intero mercato. La ricerca, effetttuata da Rudy Wischenbart per alconto di alcune riviste specializzate è stata anticipata a Francoforte lo scorsco ottobre e resa nota, in via definitiva, questi giorni.

Ma come si ripartisce la torta dei 70miliardi? Il 50% è editoria professionale, il 30% è scolastica e il 20% è editoria generalista.
Al primo posto per fatturato si trova la Thomson, azienda familiare canadese con 32000 dipendenti e 5 miliardi di giro di affari, specializzata nel campo del diritto e della ricerca medico-scientifica; al secondo posto c'è l'inglese PPearson che, oltre al Financial Times, è editore del gruppo Penguin, che realizza l'85% delle proprie vendite nella scolastica, presente con i suoi testi in ogni materia e in un gran numero di linge, compresi i dialetti indiani. Il terzo gradino del podio è occupato dal gruppo Bertelsmann, che controlla numerose case editrici raccolte sotto l'ombrello di Random House, la più grande casa editrice di varia del mondo, che però rapresenta meno del 50% dei 4,4 miliardi del suo giro di affari del libro. Con 4,2 miliardi, il quarto posto e occupato dall'anglo-olandese Reed Elsevier, mentre al quinto c'è l'olandese Wolters Kluwer con 3,4 milardi.
Entrambi hanno ceduto l'editoria scastica a Pearson per concentrasi sull'editoria professionale. Le distorsioni causate dalla concentrazione in atto nel settore editoriale sono state già ben evidenziate da Andre Shifrin nei suoi libri (editoria senza editori e il controllo della parola) nei quali sostiene che il prevalere di una logica di profitto sull'imprenditorialità libraria ho concorso al alterare profondamente la qualità del prodotto. Ma, oltre ad un suo scadimento della qualità editoriale, la concentrazione nel settore e la riduzione degli attori può portare ad un pericola maggiore: l'omologazione della conoscenza. Il pericolo insisto in questa concentrazione sta i una nuova colonizzazione, in questo caso culturale, che nei paesi sviluppati, o forse sarebbe meglio dire anglofoni, possono esercitare sul resto del mondo.

 

E l'Italia? Bruscolini a confronto: il nostro mercato vale solo, si fa per dire, poco più di 3700 milioni.

Letto 1503 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Vita di libreria

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.