tu sei qui: Home Elzeviri Diario di scuola. Il primo giorno
Venerdì, 02 Ottobre 2015 08:26

Diario di scuola. Il primo giorno

Scritto da Paola Chiesi

Come anticipato, con questo articolo Paola Chiesi ci accompagnerà per l'anno scolastico con un diario di bordo e parnaso ambulante di fatti, cronache e storie raccontati anche da quanti riuscirà a coinvolgere. Buona... navigazione!

Il nuovo anno scolastico si preannuncia sensazionale, se una rock band del calibro di Elio e le Storie Tese celebra con una canzone “Il primo giorno di scuola”. Maledetto il primo giorno di scuola, è finita la mia libertà, recita il refrain. Quella di alunni e professori senz’altro, mentre genitori appesantiti dalla lunga pausa estiva tirano un sospiro di sollievo.

 

 

Osservo, ascolto, indago, ma apparentemente sembra tutto perfettamente uguale agli anni passati. Dall’accoglienza dei nuovi alunni in aula magna alle prime riunioni collegiali, i rituali si ripetono tutti allo stesso modo anche nella “buona scuola”. Eppure una novità c’è: quest’anno si corre. Su e giù per i piani, aula 83, 58, 72, i progetti, le programmazioni, le scadenze… Si ha l’impressione di dover tagliare un traguardo. Anche le Rappresentanze sindacali hanno fretta di convocare già le prime assemblee. Eh sì, perché da quest’anno i docenti “meritevoli” saranno valutati per poter accedere al cosiddetto bonus (si legga qualche decina di euro in più all’anno). Vedo già alcuni colleghi sgomitare per entrare nelle grazie del famigerato Comitato di valutazione, altri fuggire indignati in nome della libertà d’insegnamento. In ogni caso si correrà, se pure in direzioni opposte.

Dopo due settimane dal suono della prima campanella “riformata”, si oscilla tra la certezza dei soliti problemi irrisolti e l’incertezza di un futuro nebuloso. E non è affatto una bella sensazione. Però, tra stress e frustrazioni, mi viene in aiuto il messaggio di M. S., un’ex alunna diplomata a luglio scorso, che condivido volentieri: “Ciao Prof!! Come sta? Lunedì inizio l’università e sono molto ansiosa […]. Ho scelto giurisprudenza perché mi piace il diritto. […] Volevo ringraziarla per l’esempio che mi ha dato, in questi anni mi ha insegnato molto…”. Leggo il messaggio una volta, due, tre… e non solo non voglio correre ma indugio.  Nel naturale  avvicendamento delle generazioni, vedo i volti dei miei nuovi alunni sovrapporsi a quello di M. S. e mi commuovo pensando a come era lei e a come saranno tra cinque anni quei ragazzi nati nel  2000.

A proposito, invito tutti lettori ad ascoltare  Il primo giorno di scuola, gran pezzo rock!

(https://www.youtube.com/watch?v=919ZZdMBbHA)

Letto 1658 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.