tu sei qui: Home Reading room Leggi New Jersey, sogna la Repubblica Domenicana
Martedì, 08 Aprile 2014 19:02

Leggi New Jersey, sogna la Repubblica Domenicana

Scritto da

Come molti grandi libri, "E' cosi che la perdi” ti mette voglia di fare pulizia. Vuoi andare davanti agli scaffali di casa e tirare giù tutti i romanzi che hai comprato per sbaglio. La raccolta di racconti di Junot Diaz, quello per capirci di "La breve favolosa vita di Oscar Wao" (me ne sono occupato tempo fà), è così tagliente, cosi vergognosamente esplicita, cosi cruda e crudele nelle emozioni, così radicata nel linguaggio e nei ritmi di vita della classe operaia dei latinos immigrati in USA che, in confronto, molta altra letteratura sembra irrimediabilmente povera, soggetta quindi alla nostra impaziente voglia di fare spazio.

 

Il libro è ingannevolmente piccolo, di 170 pagine, fatto di racconti per lo più ambientati nel New Jersey, (come nei precedenti romanzi) dove figura un giovane domenicano di nome Yunior(come sopra: si, è lo stesso immigrato dei romanzi già usciti). E' un mondo di uomini ossessionati dal sesso e di donne sotto pressione che sognano un porto sicuro. E' l'eterno paradigma uomo/donna: “lì” l'uomo finisce quello che per la donna comincia. Ma è il linguaggio  la chiave di tutto; Diaz sa essere un minimalista che riduce la sua scrittura all'essenziale e, pure,  un massimalista capace di cambiare registro, creando un minestrone lessicale fatto di frasi caraibiche, gergo dei neri americani nuniti del proprio slang da strada, a un delizioso modo letterario di colloquiare.

I corpi sono i protagonisti di questa raccolta. In “Otravida, otravez”, un racconto di sincera bellezza letteraria sulla relazione di un'addetta alla lavanderia di un ospedale e un domenicano sposato, tutto quel che riguarda le vite dei personaggi - dei loro umili lavori - la loro paura della stasi (intesa come ostaggi del tempo), la loro capacità di tenerezza, è inscritta nella loro pelle.

Ed è roba, questa, non solo di quasi tutti i personaggi del libro, ma di Diaz in generale: sono tutti alle prese con il tempo. I loro ricordi dei coniugi, dei figli o dei fratelli rimasti nella Repubblica Domenicana svaniscono ogni anno che passa. E nel New Jersey si cresce rapidamente, troppo in fretta. Diaz ha questa ironia, questa sua capacità di far ridere, ma anche di farti sussultare di dolore, proiettando i suoi raggi X su mondi troppo spesso ignorati dai mezzi di informazione.

Il libro è tanto bello quanto la "breve vita..." peccato che, in libreria, sia passato quasi del tutto inosservato per un autore che ha vinto il Pulitzer. Ma non è una novità. La qualità letteraria sembra semplicemente non importare più a nessuno.

Vènghino Signori, vènghino.

 

per BookAvenue, Michele Genchi

Letto 1452 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.