tu sei qui: Home Podcast Podcast. Tributo a Whitney Houston
Mercoledì, 15 Febbraio 2012 10:43

Podcast. Tributo a Whitney Houston

Scritto da Francesca Schirone

La sua voce sembra essere quasi sospesa, una breve pausa di silenzio che è un tutt'uno con le note di prima e di dopo. E' "I will always love you", la canzone con la quale Whitney Houston sarà ricordata per sempre. Se non l'avete ascoltato prima quel silenzio, tornate indietro e ascoltatelo; si tratta di "buco" seguito dalle parole: la "I" (io) all'inizio del ritornello e "you" (tu) alla fine, tenute a bada quasi a fil di voce con una lunghezza di tono superiore a qualsiasi altro/a cantante abbia mai provato a sostenerle. Lei con un controllo pazzesco della voce canta quelle sillabe una ad una che da sole valgono un Grammy. Canta le parole in modo diverso da tutto il resto; in un primo momento è con amore, poi con convinzione, poi con disperazione. Un dramma che dura quattro minuti. L'esplosione che ha trasformato una storia d'amore in una storia di solitudine. Whitney Houston sapeva di avere una voce.

Centosettantamilioni di dischi venduti. Una voce guidata non solo dallo spirito, ma pure dal codice genetico del canto gospel ricevuto in dono dalla madre Cissy Houston e influenzata dalla cugina Dionne Warwick e dalla madrina Aretha Franklin. Anche se sarà ricordata per le sue ballate - "Saving All My Love for You", "Greatest Love of All", "Where Do Broken Hearts Go" - avrebbe potuto cantare qualsiasi cosa, compreso il funky. La fama di Whitney Houston è cresciuta oltre i suoi dischi: sul grande schermo ha regalato una performance di grande successo in "Guardia del corpo", sia come attrice che come protagonista della colonna sonora. Negli ultimi anni, guardandola più da vicino, chi l'ha amata ha compreso in maniera evidente che qualcosa non andava: i ritardi dei nuovi album, gli echi delle cronache da oltreoceano sui ricoveri, il disastroso matrimonio con un bad-boy, (compreso il brutto concerto in Italia di Assago con quelle stonature e lunghe pause). Tutte cose che hanno testimoniato come il disastro della sua vita personale abbia inciso come una lama sul suo talento.

Il resto è il relitto della sua vita. La triste verità è che la sua memoria sarà per sempre offuscata dalle sue dipendenze. Le immagini che portiamo di lei sono difficili da conciliare con la sua voce. Ma è lì che "I Will Always Love You" entra in gioco. Chiudete gli occhi. La voce di Whitney, poche ore dopo la sua morte, ha già dimostrato di poter sopravvivere al suo corpo. Anche se la sua umanità non poteva gestire quel tono, i posteri lo faranno certamente.

 

Letto 1690 volte

1 commento

  • Link al commento beppa Sabato, 05 Maggio 2012 08:31 inviato da beppa

    veramente toccante il tuo modo di ricordarla. grazie davvero per le belle parole che sono di conforto a chi l'ha amata.

    Giuseppina

Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.