tu sei qui: Home Piccoli lettori crescono Troppa fortuna
Domenica, 15 Maggio 2011 12:52

Troppa fortuna

Scritto da isabella paglia

troppa fortuna“… Non sai niente Christelle, non sai che abbiamo due casette dove noi bambini dormiamo tutti i weekend, le femmine in un dormitorio e i maschi in un altro … Non sai che abbiamo anche un bagno con delle vasche coi piedini e quando ci laviamo tutti dentro, due per ogni vasca, c’è un gran vapore! Non sai che ogni tanto, Maurice Lepoivre viene a vederci fare il bagno, quando invece, avrebbe cose più importanti da fare.
Se fa così, vuol dire che ci vuole bene davvero.
Siamo proprio fortunati … ( pag.29 )“

Dopo Bologna, ritorno dal Salone del Libro di Torino con un altro trolley di libri fantastici, anche se non so ancora bene dove collocarli e qualche scaffale di casa, di sicuro, strariperà o cederà ma non potevo non farne una scorpacciata.
Bando alle ciance, quindi e passo subito a presentarvi il primo libro della classifica: “Troppa Fortuna”( l’originale Trop de chance) di Hélène Vignal, un testo che mi ha stravolto positivamente e rapito dalla prima all’ultima pagina, sia per lo stile narrativo,  fluido e davvero notevole che, per il modo in cui viene affrontato,  il tema scottante di cui tratta, profondo delicato e sensibile a prova di urti, adatto alla lettura di bambino che si affaccia all’adolescenza [segue ]...

Cosa succede quando un  bambino si trova, suo malgrado, in una setta?
Quando un bambino viene travolto dalla scelta di vita di un genitore debole, assoggettato e dominato da potere tentacolare e difficile da spiegare di una setta?
Quando la vittima indiretta è un bambino, figlio di adepti, obbligati a vivere una condizione di segretezza e di grave pericolo psicologico e fisico?
Perché questo fenomeno di cui poco si parla, a torto, perché le cose che vengono portate alla luce, come ben sano i bambini non fanno più paura, è molto più diffuso di quanto si immagini, tenete conto che solo nell’anno 2010 erano ottomila le sette presenti in Italia e 240 mila le vittime delle sette  (fonte Corriere della Sera, 17 febbraio 2011 - fonte Ansa, 16 febbraio 2011) e non colpisce solo gli adepti, ma stravolge anche le vite dei loro familiari, che lottano per recuperarli dallo stato di dominio psicologico in cui sono stati fatti prigionieri per farli ritornare alla vita normale.
È questo il tema affrontato con estrema delicatezza in un libro autobiografico, dove l’autrice racconta in prima persona, con il linguaggio di una ragazzina di dieci anni, la storia vera della propria pre-adolescenza: le giornate trascorse in solitudine, senza i genitori, interamente assorbiti dalla partecipazione a una setta, l’occhio vigilante, onnipresente e per niente innocente del supervisore Maurice Lepoivre, la condizione costantemente al limite tra libertà e costrizione, le situazioni a rischio, border-line, dove se dapprima,  presunte verità vengono ripetute come mantra imperativi:“ Sono fortunata … sono fortunata … sono fortunata ” poi, grazie a Dio, diventano sani dubbi interrogativi:” Sono fortunata?... Sono davvero fortunata?..”
E il finale stupendo che lascia intuire un seguito positivo, splendidamente riassunto nella dedica del libro in cui Hélène Vignal scrive:
« Ad Anne, a quegli uccellini di Tremblay che, pur avendo perso un bel po’ di piume:
-    uno: non sono diventati degli avvoltoi;
-    due: hanno conservato quel tanto di peluria che basta per sopravvivere e farsi un nido tutto loro.
A riprova del fatto che forse gli orchi non sono sempre liberi di fare quel che vogliono della carne fresca che si smarrisce nelle loro tane.
Tiè! »

Vi lascio con il Booktrailer, guardatelo, le illustrazioni molto azzeccate di Giovanni Nori creano la giusta cornice di questo libro prezioso. 

L’autore

Hèlène Vignal, nata nel 1968 a Parigi, dal 2005 è tra gli autori più prolifici della letteratura francese per bambini e ragazzi.
"Ma quando scrivo, non scrivo in modo specifico per i bambini. Scrivo per la gente.
Scrivo per quelli come me, qualunque sia la loro età".
Camelopardus porta in Italia,  per la prima volta questa nota autrice con il romanzo "Troppa Fortuna", un libro pensato per adolescenti o pre-adolescenti ma rappresenta un appuntamento immancabile anche per educatori, insegnanti, genitori o semplici amanti delle buone letture, edito da Camelopardus [Camelopardus è il nome latino della costellazione della giraffa è l’animale che meglio li rappresenta, come dicono: “ ha la testa tra le nuvole e i piedi per terra. Proprio come noi”] una casa editrice dalle scelte coraggiose che recentemente si è unita con un’altra casa editrice molto attenta ai contenuti: Zampanera, fondando il Gruppo Editoriale CameloZampa, specializzato in editoria per bambini e ragazzi che già raccolto molti consensi positivi da parte della critica e dal pubblico dei lettori.


SCHEDA TECNICA:
Titolo: Troppa fortuna
Autore:
Hélène Vignal
Illustratore: Giovanni Nori
Traduzione di: Mirella Piacentini
Editore:Camelopardus  / Gruppo Editoriale CameloZampa
Collana: Sconfini
Codice EAN: 9788890256189
Formato: brossura, Illustrato
Pagine: 80
Prezzo indicativo: € 8,00
Età di Lettura: ( 10 +)

Letto 3775 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Vita di libreria

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.