tu sei qui: Home Piccoli lettori crescono Almeno il cane è un tipo a posto
Mercoledì, 20 Aprile 2016 18:05

Almeno il cane è un tipo a posto

Scritto da Livia Rocchi

“Almeno il cane è un tipo a posto” è la frase con cui Margò conclude la descrizione della sua famiglia nel suo diario delle vacanze, unico compito che la ragazzina è disposta ad accollarsi in quel fantastico limbo di dolce far niente che dovrebbero essere le vacanze estive tra la quinta elementare e la prima media. È quindi chiaro da subito al lettore lo sguardo-che-non-perdona con cui verrà raccontata parte di questa storia composta e narrata da tanti personaggi di età diversa: Massimo, fratello di Margò, la cui autostima è tormentata dal soprannome “Minimo” e la cui incolumità è messa a rischio da un bullo di nome Vito; Vito stesso che ci racconta le sue esplosioni di violenza da un’altra prospettiva; Celeste e Stefania che per chissà quale motivo non vanno bene così come sono; Filippo, nerd aspirante cyborg; Sara e Fiamma, una coppia che con il suo trasferimento nel condominio di Margò susciterà curiosità, equivoci e incidenti di tutti i tipi.

 

 

 

In questo romanzo corale non mancano le voci adulte che puntano i riflettori sul punto di vista degli adulti e su alcuni loro aspetti ancora sconosciuti ai ragazzi: fragilità, dubbi, forza, semplicità, difficoltà, errori a cui porre rimedio, conseguenze da affrontare.

La storia è narrata dall’alternarsi un po’ caotico, come nella vita reale, di moltissime prospettive che rendono davvero poliedrica questa vicenda.

I temi affrontati sono tanti: bullismo, violenza domestica, omosessualità, divorzio, bulimia, coscienza di sé, i tanti ostacoli che incontrano i ragazzini durante la loro crescita fisica e psicologica, e quelli che troveranno da adulti dovendo rapportarsi con lutti, rapporti di coppia, figli da crescere… il tutto affrontato con un disincanto e un umorismo che mi hanno fatto pensare se fosse il caso di tirare in ballo come paragone, con tutte le dovute proporzioni, la divina Marie-Aude Murail finché, a un certo punto della vicenda (pagina 169 per i curiosi o i precisini), viene citato proprio Oh boy!, il capolavoro della scrittrice francese.

Un solo esempio: il modo in cui viene affrontato (e smontato con semplicità) il tema degli stereotipi inculcati ai ragazzi e soprattutto alle ragazze, su come dovrebbero agire, vestirsi, comportarsi, pensare e mostrarsi rigorosamente “maschi” o rigorosamente “femmine”.

Bastano la frase di Stefania “Allora ti vesti da maschio” e la successiva riflessione di Celeste “Io non l’ho mai capita la mania di catalogare. Tutte queste storie per vestirsi da maschio o da femmina. Ma uno non può semplicemente mettersi quello che gli pare? Ci devono essere sempre tutte queste implicazioni?

Per un attimo mi viene da spiaccicarle il cono [gelato] sulla fronte, giusto per chiederle come si sente vestita da Unicorno”.

Chapeau!

Molti riferimenti a libri e saghe (soprattutto fantasy), musica e videogame particolarmente apprezzati dai ragazzi di oggi, impreziosiscono ulteriormente questo romanzo, un po’ per la speranza che le vari citazioni invoglino i giovani lettori che ancora non conoscono la bellezza di certe opere,  un po’ per l’effetto che fanno sui lettori più attempati come le sottoscritta: la sensazione di ritrovare vecchi amici, non solo come titoli sparsi qua e là, ma anche come ottima, ricchissima base che regge e impreziosisce il romanzo di Lorenza Ghinelli.

Da leggere, a qualsiasi età.

 

Per BookAvenue, Livia Rocchi

 

Titolo: Almeno il cane è un tipo a posto
Autore: Lorenza Ghinelli
Editore: Rizzoli
Collana: Ragazzi
ISBN:  978-88-08435-2
Pagine:  270
Prezzo indicativo: €  15,00

Letto 2998 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.