tu sei qui: Home Letture Irène Némirovsky, Il calore del sangue
Martedì, 13 Dicembre 2011 06:15

Irène Némirovsky, Il calore del sangue

Scritto da Paola Mattiazzo

Quest’anno l’autunno è precoce. Mi alzo prima dell’alba e passeggio per la campagna, tra campi che sono stati di proprietà della mia famiglia per generazioni, e oggi sono posseduti e coltivati da estranei. Non posso dire di soffrirne: solo, di tanto in tanto, ho una lieve stretta al cuore… Non rimpiango il tempo perso in cerca di fortuna, a comprare cavalli in Canada, a trafficare in olio di cocco nel Pacifico. A vent’anni la voglia di andarmene e la noia soffocante della provincia mi attanagliavano al punto che se mi avessero costretto a restare qui ne sarei morto, credo. Mio padre non c’era più, e mia madre non riuscì a trattenermi. « È come una malattia,» mi diceva, impaurita, quando la supplicavo di darmi del denaro e lasciarmi partire «abbi un po’ di pazienza e ti passerà».

Diceva anche:
«Suvvia, ti comporti come il giovane Gonin, e il giovane Charles, che vogliono andare in città a fare gli operai, e lo sanno benissimo che saranno meno felici di quanto sarebbero qui, e se cerco di farli ragionare mi rispondono: “Almeno cambiamo aria”».
Ed era proprio quello che volevo io: cambiare! Mi si infiammava il sangue al pensiero del vasto mondo che brulicava di vita, mentre io me ne restavo qui. Partii, e oggi non riesco a capire quale demone abbia potuto spingere un tipo come me, selvatico e sedentario, lontano da casa sua.
Ricordo che una volta Colette Dorin ha detto che somiglio a un fauno: un fauno attempato, a essere precisi, che non corre più dietro alle ninfe e si rintana accanto al focolare. Non so descrivere i piaceri che mi dà il mio rifugio. Mi godo cose semplici, alla mia portata: un buon pasto, un buon vino, questo taccuino su cui scribacchio, traendone una gioia beffarda e segreta; e, più di ogni altra cosa, la divina solitudine. Cos’altro mi occorre? A vent’anni, invece, come ardevo!... Come mai dentro di noi si accende un fuoco simile? Una fiammata che travolge ogni cosa nel giro di pochi mesi, pochi giorni, a volte poche ore; poi si spegne. E non resta che fare il conto dei danni. Ci si scopre insieme a una donna che non si ama più, oppure, come nel mio caso, si finisce in bancarotta, o ancora, pur essendo nati per essere droghieri, ci si è fissati di voler fare i pittori a Parigi, e si muore in un ospedale. Chi non ha visto un fuoco simile deformare e piegare inaspettatamente la sua vita, in un senso opposto a quella che è la sua natura autentica? Perciò siamo tutti quanti in una certa misura paragonabili ai rami che bruciano nel mio camino, torti dalle fiamme a loro piacimento. Di certo sbaglio a generalizzare: esistono persone di vent’anni sensate e ragionevoli, ma alla loro saggezza preferisco la mia follia di un tempo.

 

È un breve romanzo, “Il calore del sangue”, eppure Irène Némirovsky riesce abilmente, fin dalle prime righe, a delineare una storia densa e carica di suspense, catturando il lettore e tenendolo inchiodato fino all’ultima riga.
In quest’opera l’autrice non descrive la società ebraica in cui è cresciuta, né ci racconta dei suoi ricordi legati alla Russia da cui si separò da bambina; qui la Némirovsky dipinge il mondo della provincia francese e ci svela, con ottimi colpi di scena, tutta l’ipocrisia e la menzogna che vengono celate dietro a paraventi di finta serenità.
Il luogo in cui il racconto è ambientato è Issy-l’Évêque, il medesimo paesino di provincia francese in cui Irène Némirovsky si rifugiò con le figlie e dove venne arrestata per essere deportata e internata ad Auschwitz, ove morì. Inizialmente furono ritrovati solamente alcuni capitoli, i medesimi che erano nelle mani del marito al momento del suo arresto; è solo da pochi anni che tutti i romanzi scritti dalla Némirovsky, compreso il seguito de “Il calore del sangue”, sono stati resi disponibili da parte della figlia che li custodiva e pubblicati.
A Issy-l’Évêque Iréne Némirovsky aveva molto tempo da dedicare all’osservazione critica delle persone che costituivano la comunità di quel paese e scrisse il suo romanzo mantenendo, addirittura, i nomi originali dei luoghi e dei locali in cui la storia si snoda.
Ci si domanda se, potendo pubblicare il romanzo mentre era ancora in vita, l’autrice avrebbe mantenuto i nomi così come impostati originariamente oppure se avrebbe provveduto a modificarli celandoli dietro a opportuni pseudonimi.
Il narratore principale è Sylvestre: un uomo anziano che, dopo aver trascorso la propria gioventù cercando fortuna in giro per il mondo, ritorna nelle terre natìe. Per sopravvivere è costretto a cedere tutte le proprietà terriere e immobiliari ereditate dalla famiglia, rimanendo privo di ogni bene. L’età e le disavventure subìte lo hanno trasformato in un misantropo amante della solitudine e della vita semplice. Solo di tanto in tanto ama trascorrere un po’ di tempo con una famiglia con la quale è imparentato, che abita poco distante.
La storia che Sylvestre racconta è la cronaca della vita di questo nucleo familiare, composto di due coniugi benestanti e di tre figli. Una famiglia fin troppo perfetta nella propria armoniosa quotidianità e nella serenità che ostenta.
Marito e moglie, ricchi proprietari terrieri, che vivono felici senza aver mai avuto alcuno screzio; due figli ancora bambini e una giovane figlia prossima alle nozze con un bravo ragazzo innamorato, proprietario di un mulino in piena attività e garante di proficui redditi e di prosperità.
Il tempo scorre, apparentemente senza problemi. Alle nozze della ragazza segue il lieto evento della nascita di un bambino e tutti sembrano appagati e felici.
Ma non tutto è come appare e, presto, alcuni avvenimenti tragici cambieranno il corso delle vite dei personaggi del romanzo, costringendoli a prendere atto delle proprie debolezze e ad assumersi la responsabilità delle proprie azioni e delle drammatiche conseguenze che ne derivano. Gli eventi, complice l’ottima e minuziosa scrittura dell’autrice, non priva di velenose insinuazioni e di astuti indizi, riusciranno a sollevare il pesante velo di ipocrisia e di falsità, che cela un passato scomodo e ormai caduto nell’oblìo, dal quale trasuda solamente un’apparente e monotona perfezione. Ogni maschera, indossata al fine di occultare sentimenti e passioni travolgenti, ma anche atti ignominiosi e persino autentici delitti compiuti sotto l’effetto dirompente del “calore del sangue”, cadrà e la verità irromperà, prepotente, nella quieta e quasi scialba vita dei protagonisti.

Per BookAvenue, Paola Mattiazzo

Letto 4134 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.