tu sei qui: Home Letture Il suono della solitudine di Michele Marziani
Mercoledì, 06 Febbraio 2019 17:32

Il suono della solitudine di Michele Marziani

Scritto da

Il suono della solitudine. Piccole storie da raccontare a te stesso di Michele Marziani si legge in meno di due ore ma contiene una vita intera. Questo piccolo libro infatti è una sorta di manifesto del Marziani-pensiero e della filosofia di vita che lo scrittore ha elaborato nel corso degli anni e con le esperienze che inevitabilmente, per il solo fatto di essere al mondo, ci determinano. Ma il libro, che fa parte della collana Piccola filosofia di viaggio di Ediciclo Editore, è anche una specie di memoir in cui Marziani racconta i momenti salienti della sua biografia, quelli che hanno influenzato le sue scelte di vita, a volte molto drastiche come quella di costruirsi il proprio mondo da sé.

"Hai imparato a costruire il mondo con le tue mani. Non sai bene quando tutto sia iniziato ma hai un ricordo netto di quando hai capito che se il mondo te lo fossi costruito tu sarebbe senz'altro stato migliore". Una scelta drastica come la decrescita che lo ha portato negli ultimi venti anni da Milano a Rimini e infine nel suo buen retiro a Capertogno, piccolissimo paesino in Alta Valsesia, in una vecchia casa di legno e pietra di cinque piani dove vive solo ma che ha tanto posto per accogliere i numerosi ospiti, amici e affetti, che lo vanno a trovare. Un libro in cui con molta sincerità lo scrittore si mette a nudo, si guarda dentro - in questo caso è molto efficace l'averlo scritto in  seconda persona singolare, del resto ammette di avere lunghe conversazioni con sé stesso - e spiega molti aspetti del suo carattere e della sua vita che potrebbero essere presi come segno di scontrosità. Perché per Marziani la solitudine è una dimensione di cui ha bisogno per vivere bene, per scrivere (il lavoro che si è scelto, l'unico che ammette di sapere fare bene oltre a pescare), come camminare e respirare a fondo, e non deve essere fraintesa con l'essere soli perché "i malati di solitudine non sono i solitari come te, sono i soli. Quelli che splendono nel buio e nessuno lo sa".

Letto 494 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.