NEMMENO IN PARADISO

“È soltanto col senno di poi, che possiamo indicare, facilmente, come trovare una città su una mappa … Non mi faccio illusioni. Pur sapendo tutto, avrei fatto la stessa scelta …”

Charlotte Ryder, per gli amici Charlie, è una giovane e anonima artista di talento che arriva dalla dal lontano e provinciale New Hampshire.

Charlie sa già tutto sul conto della famosa Julia Buchanan, prima ancora di conoscerla dal vivo, prima ancora di varcare la porta del magnifico St. Anne College.

Julia Buchanan è bella, attraente, incredibilmente miliardaria.

Tutti i Buchanan lo sono e non passano inosservati: Julia, Sebastian, Cordelia, Boom, Theresa, Bradley, “Gus” (lo metto virgolettato perché non posso rivelarvi di più) e perfino la bambinaia Sophie appaiono, quotidianamente, spaparazzati sulle copertine delle riviste di gossip.

Hanno un fascino irresistibile a cui neppure la fredda Preside Mulcaster riesce a sottrarsi, interrompendo, a metà, il discorso di inizio anno, per guardarli scendere, uno dopo l’altro, dalla loro lussuosa berlina nera.

Per i Buchanan frequentare il St. Anne è come sempre, vivere in una vetrina, dove tutti sanno tutto di loro.

O almeno così crede, all’inizio, Charlotte.

Quello che non si aspetta, però, è di poter diventare la migliore amica dell’adolescente più ricca e invidiata del college.

Charlie è provinciale, diversa da tutti gli altri e Julia Buchanan che ha rapporti personali superficiali, fatti più di apparenza che di sostanza, riconosce in lei una persona vera e incredibilmente gentile.

Ma il beneficio di questa amicizia è a senso unico.

In poco tempo, Charlie, viene inghiottita in un mondo d’élite, fatto di feste ininterrotte, fiumi di champagne, appuntamenti notturni, incontri segreti, che la fagocita senza rendersene ben conto.

Un mondo pericoloso, in cui all’improvviso, l’amore sembra spalancarle le porte, quando incontra il fratello di Julia, Sebastian.

Ma un terribile segreto si annida dietro lo sfarzo che illumina le esistenze dei magnifici Buchan.

E il castello di carte crolla … Ai privilegi sono annodati vincoli che non si traducono sempre in una vita felice. È allora che Charlotte capisce che non esistono “paradisi terrestri” ma solo artificiali e quello che sembra un mondo perfetto cela solo molte crepe …

Romantico come un romanzo d’amore, struggente come una tragedia classica, vi ricorderà le atmosfere in parte del Grande Gatsy, in parte di Cercando Alaska.

Chelsey Philipot è cresciuta in una fattoria del New Hampshire e ha lavorato come editor e giornalista. Ha scritto per il «New York Times», il «Boston Globe» e numerose altre testate. È un’appassionata di libri e ama andare a caccia di librerie e musei. Quando non scrive, insegna alla Boston University.

INFO EDITORIALI

Autore: Chelsey Philipot

Editore: De Agostini libri

Pagine: 352

Euro: 14,90 circa

Età: YA – dai 14 anni

Uscita: dal 5 maggio 2015

Isabella Paglia

Sono un'autrice di libri per bambini e ragazzi. Ho vinto vari premi di Letteratura alcuni molto importanti come:"IL PREMIO NAZIONALE LETTERATURA  PER L'INFANZIA GIACOMO GIULITTO - Critici in erba" - 2014; Il 25 marzo 2014, nell'ambito della Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna, ho ricevuto il prestigioso PREMIO PIPPI- narrativa per ragazzi  sezione inediti con il romanzo: "La Grande Sfida". Sono vincitrice del 14^ Concorso Internazionale Syria Poletti - Città di La Réole per libro rivolto ai bambini da 0 a 12 anni e Finalista del Soligatto - Premio Nazionale di Letteratura per l'Infanzia, anche caporedattore per il web magazine Book Avenue, redattrice, collaboratrice per  molti altri giornali e riviste destinate ai più giovanicome Super G! ma soprattutto instancabile cantastorie e sostenitrice dei diritti dei bambini.

2 pensieri riguardo “NEMMENO IN PARADISO

  • 6 Maggio 2015 in 8:40
    Permalink

    Grazie Isa,
    come sempre andrò in libreria a dare un’occhio.. E’ diventato assai difficile far leggere la mia ragazza (che è sempre più incavolata col mondo intero). L’adolescenza dei figli è un’esercizio di resistenza dove non si vince niente. Essere medico è meno complicato.
    Lory

  • 7 Maggio 2015 in 11:57
    Permalink

    Loredana cara, forza e coraggio! Da che mondo è mondo gli adolescenti sono tosti ma anche pieni di sorprese … Un abbraccione e buone letture 😀

Lascia un commento