L’almanacco delle storpiature – pag.1


nuove entrate

aereoporti… e fucili
– Scusi (cominciano tutti così..)
– Buongiorno, posso aiutarla?
– Si, grazie voglio comprare “la bambina e il…check in”
– Va bene lo stesso questo?, le dico mentre le porgo.. la bambina e il cecchino (di Francesco Cane Rizzoli)
– Ah! già, vabbè… check in, cecchino è un pò la stessa cosa…

Le cose dell’amore 1
– “Scusa che c’havete quarcosa sui tipi de amore..???”
Domenica pomeriggio..libreria invasa..bambini urlanti rincorrono genitori esauriti..
Guardo la ragazza che ho di fronte, lo sconforto mi assale..
– “Forse cerchi qualcosa che affronti il tema dell’amore dal punto di vista psicologico?”
(Ma che parlo a fare mi chiedo nel frattempo)
La tipa cerca le parole adatte..
– ”Cioè…come quanno penzi de esse innamorato e invece c’hai solo ‘nà fissa…qualcosa che te spiega à differenza!”
Conosco l’argomento ma questa è un’altra storia…scatta l’empatia..e azzardo..
– ”Sei fissata con uno e te ne vuoi liberare??!!”
– “eh…bbbbrava vedi che hai capito!!!!”
Mi arrampico sullo scaffale afferro il primo libro che sento sotto mano, è uno di Galimberti (le cose dell’amore) e sembra fare al caso suo…lo prende mi guarda come fossi la Sibilla Cumana..cercava proprio quello!
A ore di distanza mi chiedo… chissà che ci farà con quel libro…

Le cose dell’amore 2
– “Scusa, te posso dì na cosa?”
– “dimmi pure”
– “ammè er compagno mio, nu mme piace più come na vorta…”
– “(ecchè me frega, gli direi)invece, “ in cosa posso aiutarti?”
– “secondo te mi è più utile l’arte della guerra o il tantra???!!!!”
E io penso…mi pagano troppo poco per fare questo lavoro…

Le cose dell’amore 3 (e non è un errore)
Scusa che c’avete quarcosa pè come se fanno l’insaccati…mi cugino se vole aprì nà norcineria…ce mette tanto amore, ma nujelafà

Postfazione. anche i librai, a volte, ci cascano
due librai al telefono. uno dei due ha appena visto Giordano da Fazio che cita il suo libro del momento: Eugenides, Middlesex
– pronto?
– ciao, sono io.
– ah ciao, come va?
– bene, ci siamo lasciati solo qualche ora fa…Ascolta, controlleresti quante copie abbiamo in libreria di Eugenides, Middlesex (?)….e non fa in tempo a spiegare per quale ragione,che l’altro..
– perchè ha vinto?
– vinto cosa, scusa?
– niente, niente. me pareva che avessero dato er nobbel pure a lui.

Il direttore
– posso parlare con direttore?
– buongiorno, naturalmente signore, posso aiutarla io?
– no grazie, sono il direttore del negozio xxx e parlo solo con i miei parigrado.
– buongiorno signore, posso aiutarla?
– si grazie, come dicevo al suo collaboratore, sono il direttore del negozio xxx, mi serve una cortesia
– mi dica pure
– desidero comprare per mia figlia il libro di Calvino, la casa del ragno
– il sentiero dei nidi…, forse
– è lei il direttore qui, non io. Se non lo sa lei, siamo… “perduti”.
– certo che lo so, desidero che non abbia dubbio alcuno perchè lei è una persona speciale che è già dentro la nostra speciale… classifica.
(eh!, eh!, quella delle storpiature e delle miserie umane dove da oggi sei stato inserito per sempre, cosi ripensi all’enormità della parola… “perduti”)

Il maggiordomo
– te posso fà na domanda?
– certo!
– io ciò un sacco de dischi. sai quelli de na vorta, quelli neri.
– intende in vinile?
– e sì. quelli là.
– ebbene?
– e che ce devo fà?
– proprio non lo so, mi spiace signore, non ho una risposta a questa sua domanda.
– ma nun ciai nidea?
– provi a venderli a porta portese, la domenica mattina se è questo che intende.
– e cio penzato purìo ma nun me va de arzarme presto pe annacce. ma perchè voi nun comprate i dischi usati?
– e no, signore.
– e ma faccio un prezzo bono. macchè te a stai a tirà?
– no davvero, signore. ma non compriamo e vendiamo dischi qui.
– o sai che te dico, me stai a fastidià: co tutti i sordi che ciàvete nun me potete fà un piacere?
– sono desolato signore, ma non non vendiamo dischi.
– e puoi pure comincia adesso, te pare?
– signore basta così. Grazie
– aò, ma nvedi stò maggiordomo. fammene annà, sennò me guasto a serata.
– ottima idea, signore.

close
BookAvenue Newsletter

Hey, ciao 👋
Piacere di conoscerti.

La nostra newsletter arriva ogni mese. Iscriviti!, promettiamo di non abusarne

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Almanacco delle storpiature


nuove entrate

Silone

avete di Ignazio Silone… Formentera?

aereoporti… e fucili
– Scusi (cominciano tutti così..)
– Buongiorno, posso aiutarla?
– Si, grazie voglio comprare “la bambina e il…check in”
– Va bene lo stesso questo?, le dico mentre le porgo.. la bambina e il cecchino (di Francesco Cane Rizzoli)
– Ah! già, vabbè… check in, cecchino è un pò la stessa cosa…

Le cose dell’amore 1
– “Scusa che c’havete quarcosa sui tipi de amore..???”
Domenica pomeriggio..libreria invasa..bambini urlanti rincorrono genitori esauriti..
Guardo la ragazza che ho di fronte, lo sconforto mi assale..
– “Forse cerchi qualcosa che affronti il tema dell’amore dal punto di vista psicologico?”
(Ma che parlo a fare mi chiedo nel frattempo)
La tipa cerca le parole adatte..
– ”Cioè…come quanno penzi de esse innamorato e invece c’hai solo ‘nà fissa…qualcosa che te spiega à differenza!”
Conosco l’argomento ma questa è un’altra storia…scatta l’empatia..e azzardo..
– ”Sei fissata con uno e te ne vuoi liberare??!!”
– “eh…bbbbrava vedi che hai capito!!!!”
Mi arrampico sullo scaffale afferro il primo libro che sento sotto mano, è uno di Galimberti (le cose dell’amore) e sembra fare al caso suo…lo prende mi guarda come fossi la Sibilla Cumana..cercava proprio quello!
A ore di distanza mi chiedo… chissà che ci farà con quel libro…

Le cose dell’amore 2
– “Scusa, te posso dì na cosa?”
– “dimmi pure”
– “ammè er compagno mio, nu mme piace più come na vorta…”
– “(ecchè me frega, gli direi)invece, “ in cosa posso aiutarti?”
– “secondo te mi è più utile l’arte della guerra o il tantra???!!!!”
E io penso…mi pagano troppo poco per fare questo lavoro…

Le cose dell’amore 3 (e non è un errore)
Scusa che c’avete quarcosa pè come se fanno l’insaccati…mi cugino se vole aprì nà norcineria…ce mette tanto amore, ma nujelafà

Postfazione. anche i librai, a volte, ci cascano
due librai al telefono. uno dei due ha appena visto Giordano da Fazio che cita il suo libro del momento: Eugenides, Middlesex
– pronto?
– ciao, sono io.
– ah ciao, come va?
– bene, ci siamo lasciati solo qualche ora fa…Ascolta, controlleresti quante copie abbiamo in libreria di Eugenides, Middlesex (?)….e non fa in tempo a spiegare per quale ragione,che l’altro..
– perchè ha vinto?
– vinto cosa, scusa?
– niente, niente. me pareva che avessero dato er nobbel pure a lui.

Il direttore
– posso parlare con direttore?
– buongiorno, naturalmente signore, posso aiutarla io?
– no grazie, sono il direttore del negozio xxx e parlo solo con i miei parigrado.
– buongiorno signore, posso aiutarla?
– si grazie, come dicevo al suo collaboratore, sono il direttore del negozio xxx, mi serve una cortesia
– mi dica pure
– desidero comprare per mia figlia il libro di Calvino, la casa del ragno
– il sentiero dei nidi…, forse
– è lei il direttore qui, non io. Se non lo sa lei, siamo… “perduti”.
– certo che lo so, desidero che non abbia dubbio alcuno perchè lei è una persona speciale che è già dentro la nostra speciale… classifica.
(eh!, eh!, quella delle storpiature e delle miserie umane dove da oggi sei stato inserito per sempre, cosi ripensi all’enormità della parola… “perduti”)

Il maggiordomo
– te posso fà na domanda?
– certo!
– io ciò un sacco de dischi. sai quelli de na vorta, quelli neri.
– intende in vinile?
– e sì. quelli là.
– ebbene?
– e che ce devo fà?
– proprio non lo so, mi spiace signore, non ho una risposta a questa sua domanda.
– ma nun ciai nidea?
– provi a venderli a porta portese, la domenica mattina se è questo che intende.
– e cio penzato purìo ma nun me va de arzarme presto pe annacce. ma perchè voi nun comprate i dischi usati?
– e no, signore.
– e ma faccio un prezzo bono. macchè te a stai a tirà?
– no davvero, signore. ma non compriamo e vendiamo dischi qui.
– o sai che te dico, me stai a fastidià: co tutti i sordi che ciàvete nun me potete fà un piacere?
– sono desolato signore, ma non non vendiamo dischi.
– e puoi pure comincia adesso, te pare?
– signore basta così. Grazie
– aò, ma nvedi stò maggiordomo. fammene annà, sennò me guasto a serata.
– ottima idea, signore.

close
BookAvenue Newsletter

Hey, ciao 👋
Piacere di conoscerti.

La nostra newsletter arriva ogni mese. Iscriviti!, promettiamo di non abusarne

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento