Tra giallo e ricostruzione storica la vicenda di Vittorio Meano

Vittorio Meano era un architetto piemontese vissuto tra la fine dell’800 e i primi del ‘900, sconosciuto in Italia, ma che – emigrato in Argentina – progettò a Buenos Aires il Palazzo del Congresso e il Teatro Colón – celebre per la sua acustica perfetta – e il Palazzo legislativo di Montevideo.
Una figura interessante per il contributo che i suoi edifici diedero all’architettura di quegli anni, ma anche avvolta nel mistero, poiché morì assassinato al culmine della carriera a 44 anni.

Le indagini dell’epoca lo liquidarono come omicidio passionale: un amante scoperto in flagrante che uccide il marito della donna con la quale ha una liason. Ma forse il movente era ben altro, e l’amante un semplice esecutore.

I giornalisti Claudio Martino e Paolo Pedrini hanno scoperto la storia di Meano mentre svolgevano ricerche per un altro progetto e – incuriositi da questo personaggio affascinante nonché dal mistero che ne ha avvolto la tragica fine – hanno deciso di dedicargli il libro “C’era un italiano in Argentina” (Hever Edizioni) che indaga, con brio e interessanti approfondimenti la carriera di uno degli architetti più geniali della sua epoca, e i retroscena personali di una vita piuttosto “movimentata”, soprattutto dal punto di vista sentimentale, e di un’anima tormentata. Progetto di non facile realizzazione visto che in Italia le uniche notizie su Meano sono conservate al Museo dell’emigrazione di Frossasco (Torino) e in qualche raro testo, e pure in Argentina quello che fu un architetto famosissimo è oggi dimenticato.

Il risultato, comunque, è un libro molto interessante che può essere letto in due modi: la biografia appassionante di un uomo che raggiunse il successo dopo varie vicissitudini e attorno alla cui morte si addensa un fitto mistero mai svelato, oppure un saggio che approfondisce diverse tematiche interessanti come la realtà dell’emigrazione italiana alla fine dell’800, la situazione socio-economica di Torino e Buenos Aires in quegli anni e la pregevole opera architettonica di un grande artista.
Una via di mezzo tra il noir e l’inchiesta giornalistica, scritto in modo piacevole e coinvolgente, che racconta la corruzione dilagante di una nazione – l’Argentina – in quegli anni protagonista di uno sviluppo enorme, gli insabbiamenti e i depistaggi delle indagini dopo l’omicidio, la capacità di Meano di destreggiarsi tra il potere politico e la volontà di creare qualcosa di bello comunque.

per BookAvenue, Carla Casazza

close
BookAvenue Newsletter

Hey, ciao 👋
Piacere di conoscerti.

La nostra newsletter arriva ogni mese. Iscriviti! Niente pubblicità e promettiamo di non abusarne.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Carla Casazza

Scrivo articoli, valuto, edito, correggo manoscritti, mi prendo cura di scrittori affermati o esordienti. Vivo tra i libri e per i libri e non mi bastano mai... Giornalista pubblicista, autrice, editor, agente letterario, Carla Casazza si occupa di scrittura e comunicazione editoriale con una particolare attenzione agli autori esordienti. Ha pubblicato "Montecuccoli 1937-38. Viaggio in Estremo Oriente" (Bacchilega Editore, 2006) e "Scritto sull'acqua" (Narcissus Self Publishing, 2012).

Lascia un commento