Uno scrittore non smette mai di lavorare: intervista ad Alberto Schiavone

Classe 1980, Alberto Schiavone ha pubblicato il suo primo romanzo nel 2009 con una piccola casa editrice. Ma ha subito fatto il salto di qualità e quest’anno è uscito con Rizzoli il suo secondo libro, “La libreria dell’armadillo”. In questa intervista, con ironia e sincerità, ci racconta il suo percorso come autore.

Hai esordito con “La mischia” edito da Cult che ha avuto buoni apprezzamenti. Poi il salto di qualità e l’uscita de “La libreria dell’armadillo” con Rizzoli. Fortuna? Perseverenza? Oltre all’innegabile qualità del romanzo, ovviamente. Ci racconti come hai fatto… a farcela?

Il mio primo romanzo è uscito nel 2009, accolto bene dalla critica e benino dal pubblico, per le ovvie difficoltà che un piccolo editore incontra nell’essere presente tra gli scaffali. Nel frattempo ho chiuso la mia libreria a Bologna e partendo da quell’esperienza ho scritto in poco tempo un romanzo. Poi l’ho messo in giro, e Rizzoli è stato il primo editore a fare una proposta seria. Quella sera, e non è stata la sola, mi sono ubriacato. Nel frattempo ho cambiato lavoro, pur rimanendo nell’ambito dei libri, e forse questo disincanto rispetto al mestiere dello scrittore mi ha permesso di arrivare all’uscita in libreria con ancora qualche amico di fianco, senza impazzire del tutto. Poi li ho persi tutti. È stato in effetti il vero e proprio salto tra i professionisti. E a distanza di quattro mesi dall’uscita posso dire che è stato un salto ben riuscito, con tutto ciò che può comportare l’affidarsi alle ampie cilindrate di un macchinone come RCS. Insomma fortuna, bravura, alcol. Come al solito.

Leggi tutto