tu sei qui: Home Storie Stieg Larsson, la trilogia di Millenium
Lunedì, 04 Maggio 2009 15:40

Stieg Larsson, la trilogia di Millenium

Scritto da

Autore svedese Larsson ha avuto una vita affascinante come quello di un qualsiasi romanzo fiction di buon carattere. Mikael Blomkvist, il protagonista di The Millennium Series, in realtà porta molte analogie del suo creatore.

Karl Stig-Erland Larsson è nato il 15 agosto 1954 nel Västerbotten, nel nord della Svezia. E' cresciuto in campagna con i suoi nonni fino alla morte di suo nonno nel 1962 (nonostante molte attività di ricerca, comprese alcune mail al suo editore, è tutto quello che abbiamo potuto sapere della sua infanzia).

 

Dopo aver eseguito il servizio militare per due anni (tanto dura l'obbligo nel suo paese), Larsson ha viaggiato ampiamente in Africa, testimoniando la guerra civile in Eritrea di prima mano. Al suo ritorno in Svezia nel 1977, ha lavorato per Tidningarnas Telegrambyra (TT), la più grande agenzia di stampa svedese dove è stato impiegato per la maggior parte del tempo, come un giornalista, scrittore e caratterista grafico (sapeva disegnare).

Una delle sue tante passioni è stata la fantascienza. E 'stato il co-editore di diverse fanzine, compresi Sfären, Fijagh! Inoltre, egli è stato presidente del più grande sci-fi fan club svedese, SKANDINAVISK förening för fantascienza (SFSF), dal 1978 al 1979.

Fino alla pubblicazione postuma dei suoi libri, Larsson è stato meglio conosciuto come un attivista politico e giornalista. Egli non ha mai ufficialmente aderito al partito comunista, in Svezia, ma è stato un forte sostenitore della Kommunistiska Arbetareförbundet (Lega comunista dei lavoratori). Ha inoltre curato la
Fjärde svedese Trotskite (la rivista internazionale trotskista). Larsson si stato dedicato alla lotta contro il razzismo e la totalitarismo, ed ha usato il suo lavoro come strumento per documentare e denunciare le organizzazioni estremiste in particoalre quelle di estrema destra. Ha costituito la fondazione svedese
Expo (una consorella della società fondazione britannica Searchlight ) dedicata alla lotta contro il nazionalismo,il razzismo, i movimenti anti-democratici ed i gruppi anti-semiti.

Larsson è stato ampiamente ammirato per le sue posizioni contro i gruppi estremisti. Ha ricevuto molte minacce di morte nel corso degli anni, e quelli vicini a lui sono stati seriamente preoccupati per la sua vita. Quando egli
morì nel 2004, molti teorici del complotto hanno speculato sulla sua morte dovuta ad un infarto come un vero omicidio ad opera dei suoi nemici. (Tuttavia, il fatto che fumasse più di 60 sigarette al giorno e ha condotto un uno stile di vita relativamente malsano, la causa ufficiale del decesso sembra probabile.)

La Millenium Series è stata quasi completata prima Larsson ha mostrasse i primi due libri a un editore poco prima della sua morte. Non ha goduto personalmente il successo del suo lavoro. Quasi nove milioni e mezzo (!) di copie dei libri sono state vendute dalla la prima edizione pubblicata nel 2005, tra cui 2,7 milioni di copie solo in Svezia (quasi uno per ogni tre svedesi in un paese di nove milioni di persone). Un totale di 32 paesi hanno acquistato il diritti per la trilogia, e da tutti e tre i libri sono stati tratti adattamenti per film.

Il primo della serie, "Hatar Man som kvinnor" ("Uomini che odiano le donne"), ha vinto il Glass Key prestigioso premio come miglior romanzo nordico di criminalità nel 2005. E 'stato pubblicato nel Regno Unito nei primi mesi del 2008, (tradotto come "La ragazza con il Dragon Tattoo"), e negli Stati Uniti nel settembre 2008. Il film
da questa versione esce nei paesi nordici nel quest'anno, con Michael Nyqvist come Blomkvist e Noomi Noren (alias Noomi Rapace) come Lisbeth Salander.

Il secondo libro della trilogia, "Flickan som med lekte Elden" ( "La ragazza che giocava con Fuoco"), svedese ha vinto il premio per il romanzo poliziesco Academy Award come l'anno migliore della criminalità svedese romanzo del 2006. Misteri dell'editoria: assolutamente inspiegabile il ritardo delle pubblicazioni in inglese: Uscito solo a Luglio del 2009 in Inghilterra. E per la stessa ragione, Luftslottet som sprängdes ( "La regina dei castelli di carta"), la pubblicazione è prevista solo a fine 2009, (con un titolo di tipo: Castelli di carta in cielo).

La trilogia in italiano, completata da tempo, è stata un successo editoriale senza precedenti per la Marsilio.

Guarda lo speciale RAI su Millenium

LE SCHEDE


Uomini che odiano le donne

Da molti anni, la nipote prediletta del potente industriale Henrik Vanger è scomparsa senza lasciare traccia. Il cadavere non è mai stato ritrovato.
Quando, ormai vecchio, Vanger riceve un dono che riapre la vicenda, incarica Mikael Blomkvist, noto giornalista investigativo, di ricostruire gli avvenimenti e cercare la verità.
Aiutato da un’abilissima giovane hacker, Blomkvist indaga a fondo la storia della famiglia Vanger, ma più scava, più le scoperte sono spaventose.




La ragazza che giocava con il fuoco

Mikael Blomkvist è tornato vittorioso alla guida di Millennium, pronto a lanciare un numero speciale su un vasto traffico di prostituzione dai paesi dell’Est. L’inchiesta si preannuncia esplosiva: la denuncia riguarda un intero sistema di violenze e soprusi, e non risparmia poliziotti, giudici e politici, perfino esponenti dei servizi segreti.
Ma poco prima di andare in stampa, un triplice omicidio fa sospendere la pubblicazione, mentre si scatena una vera e propria caccia all’uomo: l’attenzione di polizia e media nazionali si concentra su Lisbeth Salander, la giovane hacker, «così impeccabilmente competente e al tempo stesso così socialmente irrecuperabile», ora principale sospettata.
Blomkvist, incurante di quanto tutti sembrano credere, dà il via a un’indagine per accertare le responsabilità di Lisbeth, «la donna che odia gli uomini che odiano le donne».
È lei la vera protagonista di questo nuovo episodio della Millennium Trilogy, un thriller serrato che all’intrigo diabolico unisce un’acuta descrizione della società moderna, con le sue contraddizioni e deviazioni, consegnandoci con Lisbeth Salander un personaggio femminile unico, commovente, assolutamente indimenticabile.



La regina dei castelli di carta.

La giovane hacker Lisbeth Salander è di nuovo immobilizzata in un letto d’ospedale, anche se questa volta non sono le cinghie di cuoio a trattenerla, ma una pallottola in testa.È una minaccia: se qualcuno scava nella sua vita e ascolta quello che ha da dire, potenti organismi segreti crolleranno come castelli di carta. Deve sparire per sempre, meglio se rinchiusa in un manicomio. La cospirazione di cui si trova suo malgrado al centro, iniziata quando aveva solo dodici anni, continua. Intanto, il giornalista Mikael Blomkvist è riuscito ad avvicinarsi alla verità sul terribile passato di Lisbeth ed è deciso a pubblicare su Millennium un articolo di denuncia che farà tremare i servizi di sicurezza, il governo e l’intero paese. Non ci saranno compromessi. L’ultimo capitolo della trilogia di Stieg Larsson – uno dei più clamorosi casi editoriali internazionali degli ultimi anni – è ancora una volta una magnifica descrizione della società di oggi in forma di thriller. Un romanzo emozionante di trame occulte e servizi segreti deviati, che cattura il ritmo del nostro tempo e svela a cosa possono condurre le perversioni di un sistema malato. Una storia che, fedele all’anima del suo autore, narra di violenza contro le donne, e di uomini che la rendono possibile.


le schede sono dell'editore Marsilio

Letto 1592 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


BookAvenue usa i cookies. 
Usando il sito ne consenti implicitamente l'utilizzo. 
Se desideri saperne di più, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies