tu sei qui: Home Podcast Podcast. La storia la fanno le donne: Aretha Franklin
Giovedì, 14 Maggio 2015 10:14

Podcast. La storia la fanno le donne: Aretha Franklin

Scritto da Francesca Schirone

Una voce pazzesca. Il pezzo con cui apro la stagione 2012 è dedicato a Aretha Franklin. Figlia di un predicatore da Detroit, ha iniziato cantando gospel da bambina (come tante altre future star del pop nero) fino al successo degli anni '60 con i primi album per la Columbia. Il suo primo disco lo ha inciso all'età di 14 anni. Nel'67 ha firmato per la Atlantic Records e registrando alcuni grintosi album R&B con i Muscle Shoals. Da quegli anni fino ai primi anni '70 Aretha Franklin ha registrato soul, pop e gospel di grande successo.

Alla fine dei '60 Aretha era al suo picco come artista - con successi tipo: Otis Redding's "Respect", così come "Chain of Fools" senza dimenticare dischi enormi come "You Make Me Feel.. e A Natural Woman", ed era diventata anche una icona afro-americana durante le battaglie per i diritti civili a favore delle minoranze nere e delle donne. Ma in quelle battaglia tutta la musica "nera" fu in prima linea. Per questo, nel 2005, ha ricevuto la medaglia presidenziale della libertà dal congresso USA. 
Ha cantato "God Bless America" ​​alla festa di insediamento del presidente Jimmy Carter e ha fatto lo stesso per Barak Obama davanti a più di due milioni di persone (nella diretta TV c'erano invece qualcosa come 1miliardo di occhi e orecchie ad ascoltarla).
Della serie: la storia la fanno le donne (e da alcuni uomini solo se ben accompagnati: ecchecavolo).

Aretha Franklin ha il suo posto nella storia della musica: è stata inserita nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1987. La sua figura è considerata come una delle più influenti nella storia della musica: Freddie Mercury era un suo grande fan, numerosi artisti, tra cui Alicia Keys, Beyoncé, Anastacia, Mary J. Blige, Joss Stone, Jennifer Hudson, hanno eseguito cover dei suoi brani più famosi (ma anche le italiane Giorgia ed Elisa citano Aretha nelle loro principali ispirazioni). E' considerata, a giusta ragione, la cantante più importante del secolo tanto che lo Stato del Michigan, udite udite, ha ufficialmente dichiarato la sua voce come una meraviglia della natura (In America si può fare anche questo) nonché, secondo la rivista Rolling Stones, uno dei 100 artisti più importanti di sempre. Recentemente si è ristabilita da una malattia grave e sarà per questo che a 67 anni ha deciso di risposarsi con il suo amico di sempre Willie Wilkerson. Il pezzo in ascolto è, naturalmente I say a little prayer for you. Buon ascolto


Aretha Franklin-I Say a little prayer for you di edith-rv

I libri:

Ci risiamo: in italiano, niente di niente.

In inglese l'ultimo è del 2010 di Heather L. Wagner: è una biografia e l'ho trovata sul sito di Barnes and Nobles.

Letto 2756 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.