tu sei qui: Home Podcast La scomparsa di Otis Clay
Martedì, 12 Gennaio 2016 12:31

La scomparsa di Otis Clay

Scritto da Francesca Schirone

Comiciamo male. Mentre mi appresto a scrivere di Otis Clay, un leggendario cantante gospel e icona della soul music e del blues, è arrivata la notizia di David Bowie. Il primo è morto di infarto a 73 anni, David Bowie di cancro a 69: ne parlo a parte, ora non ho la forza.

Otis Clay ha ricevuto i natali nel Mississippi e ha iniziato con gruppi vocali gospel e musica profana, come chiamano le ballad popolari da quelle parti, a metà degli anni Sessanta. Dopo aver firmato con l'etichetta One Chicago Records, O.C. si fa conoscere al grande pubblico nel 1967 con "That's How It Is (When You're In Love)" e "A Lasting Love." (tr."Questo è come è (quando sei innamorato e "Un amore duraturo).

 

A seguito di una collaborazione per l'etichetta Cauldron controllata dall'Atlantic Records, O.C. ha potuto registrare una versione "She's About a Mover", un famosissimo pezzo di un quintetto dal nome Sir Douglas presso la Muscle Shoals, Alabama's FAME Studios.>

O.C. ha successsivamente collaborato con il produttore Willie Mitchell a Memphis presso la Hi Records nel 1971. E' di quell'anno il brano con il quale lo si ricorda; mi riferisco al grande, forse il più grande, successo di Clay,"Trying to Live My Life Without You" (tr."Sto cercando di vivere la mia vita senza di te"). Quasi un decennio più tardi, Bob Seger si è arrampicato sulla Hot 100 con la sua versione del singolo.

"La mia vita è sempre stata una combinazione di cose sempre influeanzate dalla musica, ha detto O.C. in una intervista al Chicago Tribune. Ha trovato molta ispirazione tra diversi suoi contemporanei quali: Sonny Boy Williamson,Vaughn Monroe e Rosemary Clooney e pure l'ascolto di Hank Williams e Roy Acuff".

O.C. ha continuato a registrare e a esibirsi dal vivo fino ad un paio di settimane fa proprio al Blues Alley di Chicago; il mio due di coppia c'è stato: ne ho parlato in uno dei miei vecchi contributi su queste pagine.

La famosa rivista Rolling Stones, gli ha tributato una copertina nel 1997. Tra i diversi premi e riconoscimenti segnalo la nomination al Grammy e segnalato per "Walk a 2008 Mile in My Shoes" come best R&B Vocal Perform pubblicato con la sua etichetta Echo records. Nel 2013 è entrato nella Blues Hall of Fame.

Provate ad ascoltarlo. Ci sono dischi che non si riescono a dimenticare. Una prova?, da YT,  Trying to live My Life without you. Buon Ascolto.

 

 

I libri: non cercateli. l'editoria italiana ha smesso di pubblicare testi che onorino il nome di questa gente.

Letto 1387 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.