tu sei qui: Home Piccoli lettori crescono Un Canto di Natale
Domenica, 19 Dicembre 2010 17:57

Un Canto di Natale

Scritto da isabella paglia

un canto di natale

“ Marley, prima di tutto, era morto …” E’ per lo meno eccentrico come attacco per il più bel racconto sul Natale che mai sia stato scritto.
Ma è proprio così che inizia il primo capitolo, di un intramontabile classico del 25 dicembre, una delle opere più famose e popolari di Charles Dickens:” Il Canto di Natale” noto anche come: Cantico di Natale, Ballata di Natale o nell’originale inglese:” A Christmas Carol “.

Non fatevi ingannare, non c’è trasposizione televisiva o cinematografica che regga il confronto con le parole animate di Dickens, la cui lettura, quasi arrivassero da secoli lontani avvolte in una formula arcana,  sprigiona, improvvisamente, il sortilegio di passi che fondano nella neve tra scampanellii di slitte trainate, di strette di mano infreddolite, nasi rossi e voci argentine che gridano:” Buon Natale Mr. e Mrs…” con sottofondo di campane a festa… [ segue ]Insomma non c’è niente che ti possa catapultare nella magia del Natale come il Canto di Natale di Dickens e anche se viviamo in angusti monolocali,  già dopo le prime pagine di questo impareggiabile capolavoro, ci sembrerà di leggerle accoccolati al tepore di un grande caminetto vittoriano tra i ceppi scoppiettanti e fiocchi di neve alla finestra…
Per chi non conoscesse ancora la trama: il protagonista è il vecchio avaro e gretto Ebenezer Scrooge, uomo d’affari senza scrupoli che si rifiuta categoricamente di celebrare il Natale e tutto ciò che rappresenta e non si può tradurre in moneta sonate: gli affetti, la cordialità, la bellezza della vita …

Tanto è avverso alle festività che costringe il suo contabile Bob Cratchit, un buon uomo che ama la famiglia e soprattutto il più piccolo dei figli, Tim molto malato, a lavorare in condizioni pietose anche il giorno della Vigilia. Scrooge, lo spietato non ha amici ed a chi gli rivolge un augurio benevolo, risponde scontroso borbottando come una pentola a pressione, caccia via in malo modo perfino il nipote Fred, figlio della sorella defunta, perché l’unica compagnia che Scrooge desidera è quella della cassaforte! E’ sera nella vuota e fredda casa di Scrooge. Stranamente entrando in casa, l’avaro despota, intravede la sagoma di un suo stretto collaboratore, riflessa nel battiporta: Jacob Marley, il suo socio d’affari defunto. Scaccia i pensieri e cerca di mettersi a letto ma viene disturbato da rumori inquietanti: catene, il passaggio di un carro funebre, una campanella che tintinna… Finchè la porta della stanza da letto si spalanca e compare proprio: Jacob Marley o meglio il suo fantasma. Da questo episodio inizia per Scrooge un viaggio che ricorda per molti aspetti quello di Dante ma al posto di inferno, purgatorio e paradiso troviamo le dimensioni del tempo: presente, passato e futuro… Non sarà affatto piacevole percorrerle per Scrooge ma sarà di vitale importanza perché grazie all’intervento di alcuni fantasmi oserei dire virgiliani, Ebenezer Scrooge, l’arraffa,il taccagno lo scorbutico Scrooge, si ravvede, cambia rotta fino al il finale commovente e lieto dove :”… dà di matto, salta dalla gioia, ride fino alle lacrime…” sbalordendo la città intera e divenendo un vero e proprio dono di Natale per chi avrà il piacere di incontrarlo…

Ci sono infinite edizioni di questa strenna di Natale, io ho scelto per voi quella  illustrato da Lisbeth Zwerger
delle Edizioni Nord-Sud perché le illustrazioni sono incisive e perfettamente corrispondenti all’atmosfera ai costumi del tempo, si nota un grande lavoro di studio di dovizia di particolari ed i personaggi sono tratteggiati con uno stile superbo che incanta piccoli e grandi.
Adoro Il Canto di Natale di Dickens è tra i miei libri preferiti.
Prendete l’abitudine di leggerlo e rileggerlo ai più piccoli, ogni anno, quasi ad aprire le danze ad una tradizione familiare di un incantevole tempo sospeso tra desideri e speranze  che forse esiste solo nei nostri sogni ma proprio per questo non significa che sia meno vero.
Per cui davvero, con tutto il cuore: tra i Gormiti e il Canto di Natale … Regalate il Canto di Natale!

L’Autore

Non me ne vogliate se per questioni di spazio sarò costretta a riassumere in poche righe la biografia di Charles Dickens scrittore inglese nato nel 1812. Ha vissuto un’infanzia traumatica e  terribile a causa del crollo finanziario della famiglia. Il padre infatti finì in prigione per debiti e Charles Dickens fu costretto a lavorare in fabbrica appena dodicenne (per fabbrica s’intende una fabbrica dell’800 ossia una baracca infestata dai topi), dove Dickens, incollava etichette su flaconi di lucido da scarpe. Egli stesso ricordandola in Tempi Difficili descrive quel periodo come: ”… Non vi sono parole per descrivere la segreta agonia dell’anima … nel sentirmi spezzare nel petto le vecchie speranze di poter essere un giorno uomo colto ed eminente…” ma la vita si sa fa dei giri di boa imprevedibili e Charles Dickens giunto alla maggiore età diventerà “uomo colto ed eminente” da cronista parlamentare ad uno dei più grandi romanzieri dell’Ottocento, ricordiamo oltre al“Canto di Natale”,“Il circolo Pickwick”, “Oliver Twist”, David Copperfield” “La bottega dell’antiquario”, “Le due città”, “Dombey e figlio” e molti moltissimi altri capolavori.

Cosa dicono del libro:

«… Mi sono cimentato in questo libricino di fantasmi per suggerire il fantasma di un’idea che non vi faccia inquietare, lettori miei, né con voi stessi, né fra di voi, né con il tempo e tantomeno con me. Possa esso vagare benaccetto per la vostra casa senza che desideriate scacciarlo. Il vostro fedele amico e servitore»
~ Dicembre 1843 - Charles Dickens ~


« …Ci sono molte cose, credo, che possono avermi fatto del bene, senza che io ne abbia ricevuto profitto: Natale è una di queste. Un periodo di gentilezza, di perdono, di carità, di gioia nel quale uomini e donne sembrano concordi nello schiudere liberamente i cuori serrati e nel pensare alla gente che è al di sotto di loro come se si trattasse realmente di compagni nel viaggio verso la tomba, e non di un’altra razza di creature in viaggio verso altre mete… » ~  Charles Dickens ~

Scheda tecnica


Autore: Charles Dickens
Illustratore: Lisbeth Zwerger
Editore: Nord-Sud
Collana: Libri illustrati
Anno di Pubblicazione: 2008
ISBN: 8882038874
Codice EAN: 9788882038878
Pagine: 67
Formato: albo illustrato, rilegato, cartonato
Prezzo: indicativo €.18,50
Età di lettura: (7+).

Letto 4406 volte
Altro in questa categoria: « Cenerentola Il viaggio di Elisabet »
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Vita di libreria

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.