tu sei qui: Home Piccoli lettori crescono Per filo e per segno
Sabato, 13 Ottobre 2012 11:26

Per filo e per segno

Scritto da Isabella Paglia

« Sono poverella, figlia mia. Che ti posso dare io che non ho niente?»

«Puoi darmi, commarella, i fili persi della tua bottega».

«Che ci vuoi fare?»

«Ci voglio fare un gomitolo di filo».

«È cosa faticosa, creaturella. Sono corti i fili persi. Per fare un filo li devi annodare...

Dammi il permesso, vecchia commare, di raccattare i fili perduti».

«E sia», disse la sarta ... ( pag.3 )[segue ]

Silva è una bambina che raccoglie le storie e ha bisogno di non dimenticarsele ma solo quando le storie meritano di non essere dimenticate, così, chiede aiuto alla sarta del paese, che le regala i suoi avanzi di lavoro per farne una rete.

Storie imbastite, annodate, cucite e poi ancora sforbiacite ...

Ma cosa succede se arriva un Capitano e da bravo adulto combina un guaio?

Ci penseranno i bambini che senza perdersi d'animo, con estro e inventiva, risolveranno l'incognita di chi è troppo cresciuto per non saper vedere al di là del suo naso:

"...  Si misero al lavoro. A sera, il libro delle storie era di nuovo tutto intero.

I bambini sedettero in cerchio, pronti ad ascoltare.

Si poteva ricominciare.

Silva aprì il libro ..."

Un albo davvero singolare dove bambini a matita sono mescolati a fili veri, fotografati, annodati, sbrogliati, mescolati e fatti a matassa assieme a tagli di nastro, bottoni automatici e colorati tutti intrecciati in una rete da pesca per non far scappare via la fantasia...

Le autrici

Luisa Mattia romana, è autrice di numerosissimi romanzi per ragazzi. Con un passato da maestra, Luisa continua a frequentare aule e bambini con immutato entusiasmo, quello con cui ha ideato e coordina un progetto di scrittura nella scuola primaria. Fra i suoi libri più amati, La scelta (Premio Pippi 2006), I jeans di Garibaldi, Ti chiami Lupo Gentile e la serie di gialli I misteri di Teo. Con altri cinque «amici di penna» è autrice di Melevisione, lo storico programma per bambini di Rai Tre. Nel 2008 è stata insignita del Premio Andersen come Migliore scrittrice dell’anno.

Vittoria Facchini vive e lavora a Molfetta, nel suo studio che trabocca di luce, colori, carta, pennelli, forbici, scampoli di fili e di tela – e insieme ai suoi gatti e al suo cane. Dopo gli studi d’arte, si è specializzata in Grafica Pubblicitaria ed Editoriale a Firenze, ma è a Venezia che avviene l’incontro che segnerà la sua scelta di illustrare e il suo stile dirompente e dissacrante – quello con Emanuele Luzzati. Ha pubblicato all’estero (Francia, Giappone, Portogallo e Corea) e con molti editori italiani (Fatatrac, Mondadori, Einaudi Ragazzi, Feltrinelli, Giannino Stoppani, Editoriale Scienza, Art’è, Editori Riuniti, Treccani). Nel 2002 il Ministero per la Cultura Francese l’ha scelta tra i 60 autori invitati a rappresentare l’Italia al Salone del Libro di Parigi. Nel 2006 ha vinto il Premio Andersen come Migliore illustratrice dell’anno.

 

SCHEDA TECNICA:

Titolo: Per filo e per segno

Autore: Luisa Mattia

Illustratore: Vittoria Facchini

Editore: Donzelli

Collana: Fiabe e storie

Codice EAN: 9788860366962

Formato: rilegato, illustrato

Pagine: 28

Prezzo indicativo: € 18.50

Età di Lettura: (5+)

Letto 1910 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.