tu sei qui: Home Letture Un paese al crepuscolo
Martedì, 12 Novembre 2019 14:16

Un paese al crepuscolo

Scritto da davide zotto

Tralummescuro è il momento di passaggio tra il giorno e la sera, tra la luce e il buio; il termine indica questo istante di incertezza. Come pregna di incertezza, in questo caso geografica, è la Pavana di Guccini, indecisa se essere Toscana o Emilia. Confine geografico (un tempo vi era la dogana tra Granducato di Toscana e Stato Pontificio)  e culturale, territorio ambivalente, a cavallo tra le due regioni nel cibo e nella lingua.

Il linguaggio è parte fondamentale del libro, l’autore utilizza un registro linguistico molto particolare nel quale il dialetto locale è mescolato all’italiano colto, talvolta tecnico, in una struttura lessicale unica; qui spunta l’anima del Guccini linguista che illustra le varianti lessicali nell’arco di pochi chilometri lungo il crinale appenninico. Le spiegazioni linguistiche sono inserite all’interno di un racconto nostalgico; come per le tigelle: rammentando le occasioni in cui venivano cotte chiarisce che si tratta di una sineddoche, perché la pietanza assume il nome del recipiente in cui viene cotta.

 

 

Il libro è un continuo viaggio temporale tra il paese di oggi e quello che era un tempo, in una descrizione in cui le permanenze sono rare e i mutamenti molteplici. C’è, ahimè, la tendenza a cadere talvolta nella retorica del buon tempo antico, ma in fondo è normale quando si ricorda la propria gioventù e fa parte del gioco della narrazione. La descrizione dei mutamenti riguarda il paesaggio naturale e l’ambiente antropico; il fatto che i nomi dei luoghi siano citati in base al nome delle famiglie che vi abitano, anzi ormai che vi abitavano, denota una forte affinità con il territorio. I ricordi legati ai vari edifici, come  l’albergo o la pista da ballo, si collegano alla rievocazione di una aneddotica personale e alla spiegazione di come era la vita quando le abitazioni avevano il cesso all’esterno, un altro mondo: migliore o peggiore risulta difficile dirlo, certamente diverso e privo di comodità, ma forse più genuino.

E in questa rievocazione dei luoghi senti che vorresti poter controllare su una tavoletta IGM le strade, i sentieri e i posti di cui racconta per poterti orientare meglio in quello spazio che non conosci, ma che ti incuriosisce. Ecco forse questa è la mancanza del libro: una cartina topografica.

Partendo dal ricordo dei vecchi sentieri abbandonati - un tempo fondamentali perché tutti si spostavano a piedi, mentre oggi tutti in auto - ormai invasi dai rovi e non più praticabili, si arriva  alla descrizione degli alberi e delle piante con i loro nomi dialettali e l’elenco degli animali che puoi incontrare nei dintorni, come il cinghiale che invade e distrugge l’orto dietro casa o crea nuovi sentieri a proprio uso e consumo, e degli animali in cui ci si poteva imbattere un tempo e ora sono scomparsi.

Ne risulta un libro intimo e intriso di ricordi personali in cui la reminiscenza di alcune ricorrenze particolari  nel corso dell’anno assume il sapore di una specie di Madeleine popolare.

Il confronto con il primo libro di Guccini su Pavana “Croniche Epafaniche” è naturale; se il primo romanzo aveva il vigore e l’entusiasmo del sorgere dell’esistenza questo ne rappresenta il tramonto, un tramonto non solo personale, ma anche di un paese in declino, che si spopola, in cui chiudono i negozi e non si trovano più gli artigiani come un tempo. Il tramonto di un mondo che è stato. Risulta un racconto crepuscolare, termine che non può non evocare uno degli autori preferiti di Guccini: Guido Gozzano. Ed è la narrazione nostalgica di una diversità che non c’è più; non esiste più una differenza tra la cultura cittadina e quella montanara, sono omologate dalla televisione e da internet..

L’ultima parte è una piccola Spoon River personale con un breve ricordo di alcuni paesani defunti; poiché siamo a Pavana la potremmo chiamare una Piccola Antologia del Vignale; perché questo è il nome del locale camposanto, posto  in alto alla fine del paese. Prima o poi tutti finiscono al Vignale.

 

per BookAvenue, Davide Zotto

Letto 814 volte

1 commento

  • Link al commento Michele Genchi Sabato, 16 Novembre 2019 13:35 inviato da Michele Genchi

    mi hai fatto incuriosire, Davide. Come al solito i tuoi pezzi sono belli da leggere e invito a comprarli.

    grazie
    Michele

Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Classifiche

Vita di libreria

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.