tu sei qui: Home Letture Indignazione. Un nuovo manifesto per l'Europa
Domenica, 27 Febbraio 2011 12:27

Indignazione. Un nuovo manifesto per l'Europa

Scritto da

copertinaPrendete un libro di appena 13 pagine, scritto da un uomo oggettivamente vecchio (l'autore ha 93 anni), che non contiene sesso, niente scherzi, senza una scrittura sorprendente e nessun messaggio altrettanto originale. La migliore miscela per un disastro editoriale? No, al contrario un fenomeno editoriale e nostro libro del mese di febbraio.

Indignez vous!, ora tradotto dall'italiana Add Editoe, un pamphlet snello di un eroe di guerra della resistenza francese, Stéphane Hessel, è emozionante e sta battendo da mesi tutti i record di pubblicazione in Francia. Il libro sollecita i francesi, ma anche tutti gli altri, a ritrovare lo spirito di guerra di resistenza ai nazisti, respingendo "l'insolente, egoista" potere del denaro e dei mercati e dalla difesa del sociale e dei "valori della democrazia moderna".

Il libro, che costa poco più di 3euro, ha venduto 800.000 copie in tre mesi e altri 200.000 ne hanno appena stati stampati. La sua tiratura originale era di sole 8.000 copie. Nel periodo di Natale, il libro di Hessel per una "insurrezione pacifica", non solo e' rimasto (e rimane tutt'ora) in cima alla lista francese dei bestsellers, ma ha venduto otto volte di più in numero di copie che il secondo libro più popolare, il romanzo vincitore del premio Goncourt di Michel Houellebecq. Lo straordinario successo del libro può essere interpretato in vari modi. Il suo prezzo basso e la sua sottile dimensione: appena 29 pagine con fascette e le note, ma solo 13 pagine di testo - ha fatto breccia tra coloro si considerano di sinistra tra le classi francesi. In molte librerie segnalano casi di persone hanno acquistato un dozzina di copie per la famiglia e per gli amici.

Ma il signor Hessel e il suo piccolo editore di sinistra (la cui produzione si misura in tirature nell'ordine delle centinaia di copie) dicono che il libro ha, evidentemente, toccato un nervo scoperto non solo nazionale, in un periodo in cui la tirannia del mercato e lo scandalo dei bonus per i banchieri che hanno ridotto il Paese e l'Europa "ad un punto che minaccia la stessa sopravvivenza dello stato sociale dal dopoguerra". Hanno anche suggerito che il successo del libro potrebbe essere un importante pagliuzza lanciata nel vento in una Francia che entra nel suo ciclo politico che porterà alle elezioni presidenziali del maggio 2012.

In un recente messaggio in TV, il signor Hessel, che è un sopravvissuto dei campi di concentramento nazisti per diventare un diplomatico francese, si è detto "profondamente toccato" dal successo del suo libro. Proprio per come lui stesso ha "gridato" contro il nazismo nel 1940, ha detto, oggi i giovani devono "gridare contro la complicità tra i politici e poteri economici e finanziari "e" difendere i diritti democratici acquisiti in più di due secoli ". L'autore ha aggiunto che "la resistenza" dovrebbe cominciare con il rifiuto del Presidente Nicolas Sarkozy e un ritorno al voto per il Partito Socialista.

Il libro non è piaciuto a tutti. Contiene, tra le altre cose, una lunga denuncia al governo israeliano e alla sua politica, in particolare per la Striscia di Gaza. Anche se il capitolo finale chiede vagamente una soluzione"non-violenta "ai problemi del mondo, il libro ammette anche che forse la "non violenza" non è sufficiente in Medio Oriente. Hessel, il cui padre era un ebreo tedesco emigrato in Francia, è stato accusato per questa sua analisi da diverse organizzazioni ebraiche francesi di "antisemitismo".

Stèphane Hessel nacque a Berlino nel 1917. Emigrò in Francia con la sua famiglia quando aveva sette anni. Si è unito al generale Charles de Gaulle a Londra nel 1941 e fu rimandato in Francia per aiutare a organizzare la resistenza. Fu catturato, torturato e inviato nei campi di concentramento in Germania. Dopo la guerra, ha contribuito a redigere la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 1948. Jean-Pierre Barou, testa pensante della piccola casa editrice di Montpellier che ha commissionato il libro, ha detto che Hessel ha rivelato "un profondo senso di indignazione in Francia, e non solo in Francia". Pur essendo considerato dalla maggior parte dei lettori come un piccolo trattato politico, il libro non contiene alcuna analisi particolarmente originale dei problemi del mondo.

"Hanno il coraggio di dirci che lo Stato non può più permettersi politiche a sostegno dei suoi cittadini", dice Hessel. "Ma come può mancare il denaro, quando la produzione di ricchezza è enormemente aumentata dopo la Liberazione (della Francia), e in Europa? L'unica spiegazione è che il potere del denaro ... non è mai stato così grande o così egoista e che questo potere ed egoismo ha raggiunto il vertice dello Stato. " L'originalità del libro sta nel suggerimento che è scattata per la Francia, ma anche per l'Europa, l'ora di una nuova e organizzata "Resistenza", proprio come nel 1940. "Noi, veterani della resistenza ... invitiamo i giovani a far rivivere e trasmettere il patrimonio e gli ideali della "nostra" Resistenza ", dice nel libro. Ma come le persone dovrebbero resistere al potere del denaro e dei mercati - con mezzi pacifici, il libro non lo dice o non è del tutto chiaro.

Un messaggio di resistenza

* "Vorrei che tutti - ciascuno di noi. - trovassimo la propria ragione per gridare che la nostra voce è un
dono prezioso. Quando qualcosa ti fa venire voglia di gridare, come ho gridato contro il nazismo, si
diventare un militante, duro e impegnato. Si diventa parte del grande flusso della storia ... e
questo flusso ci porta verso una maggiore giustizia e più libertà, ma non la libertà incontrollata.
"

** "E 'vero che i motivi per piangere fuori possono sembrare meno ovvi, oggi. Il mondo appare troppo complesso.
Ma in questo mondo, ci sono cose che non dovremmo tollerare ... Io dico ai giovani, guardatevi intorno
un po 'e li troverete. Il peggiore di tutti gli atteggiamenti è l'indifferenza ... "

*** "L'ossessione produttiva dell'Ovest ha gettato il mondo in una crisi che non può che essere
risolta da un cambiamento radicale di distanza dal mondo della finanza, ma anche dalla
scienza e tecnologia. E' ora che l'etica, la giustizia e un equilibrio sostenibile
prevalgano ... "

Per il filosofo Edgar Morin “ha provocato il risveglio di un popolo finora molto passivo”.

Letto 2493 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Vita di libreria

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.