L’almanacco delle storpiature – pag.4


pag.4

Povero Marquez
“…Di uno colombiano”
“…Cento mesi di solitudine”

In cassa
-“Che mo o fai er pacco regalo?”
-“Certo, Signore”
-“E che mòò bèndi er prezzo?” (avete capito bene…: proprio dal verbo bendare)
-“Certo, Signore”
-“E te ringrazio proprio”
-“…Grazie a Lei, Signore”

Cucchiai e pentole
-“Pronto?”
-“Premessa, er numero vostro e’ uguale a quello di un elettrodomestici.. nun so ste sto a fa quello giusto”
-“Mi dica pure…”
-“Che cciai er servizio de cucchiari?, io volevo pure comprà a batteria de pentole quella co o sconto”
-“Mi spiace ma questi prodotti non li vendiamo…”
-“Me stai a dì che ho fatto er numero sbagliato…?”
-“Si, Signora.”
-“E allora voi che vennete?”
-“Libri, Film, Giochi e molti articoli commerciali…”
-“O vedi?, e allora pecchè nun ne vennete pure voi e còse pè la cucina cosi quanno uno che chiama e trova?”

La casa profumata
Una Signora
-“giovane…”
-“buongiorno, posso aiutarLa
-vojo er profumatore pè a casa, namìca m’ha parlato così bene de voi che ce semo messi a parà de profumi pe’ nòra”
-“eccoli qui…”
-“‘mazza se so fighi, mò nun ciò i sordi, me lo potete spedì a casa?”

I no che fanno crescere
La mamma alla bimba ( 1 anno circa..) dicendole di non toccare nulla:
“.. No Ginevra! no! no! Ti ho detto di no, N-O voce del verbo no!!!!”

Roma, grande libreria del centro
-“Pronto?, Buongiorno”
-“Buongiorno a Lei, Signore,”
-“Siete aperti anche oggi?” (1 novembre)
-“Certo Signore, posso aiutarla?”
-“Desidero sapere se è aperto anche il… bar interno. Devo venire a fare colazione.”
-“Si, Signore. E’ aperto anche il bar.”

Neuruda (da neuro + neruda)
Signora di mezza età che ancora però si tiene su.
-“Scusi?”
-“Prego mi dica.”
-“Cercavo uno che se chiama Deruda…Neruda..”
-“Si signora Neruda…venga le faccio vedere i titoli che abbiamo!”
Settore poesia..
Le mostro alcuni titoli, lei ne sfoglia uno e indignata me lo restituisce..
-“Ma questo è scritto in francese…!!!”
-“C’è la traduzione a fronte signora…vede da un lato italiano e dall’altro
lo SPAGNOLO!!!

Gabbianelle (da piccole gabbie molto coatti e poco di gabbiani)
Signore coatto accompagnato da nidiata di coattini.
-“me devi scusà…”
-“Prego mi dica!”
-“Sto a cercà ‘n romanzo ‘po’ vecchio…”
-“Dica pure…”
-“Me sembra (…) er gabbiano Flinston…”

Canti Pisani
Ecche’ ch’vaete un libro de uno … Nunn o so’ se scriveva libri …
e’ na cosa de Pisa, me pare se chiama…Ezra Pound …

Roma, stessa grande libreria del centro
Yourcenar e uno…
-“Mi scusi…”
-“Buongiorno Signora, mi dica…”
-“Avete un reparto dei libri di romanzi storici?”
-“Non esattamente, posso forse aiutarla?”
-“Si grazie. Cerco di Margherita Yourcenar, le memorie di…Magellano!”
…e due
-“Ce l’ha un reparto dei libri storici?”
-“Certo, posso aiutarla?”
-“Grazie si. Cerco il Testamento di Adriano.”

Cosa fare da grande
razza: europea, sesso: femmina, altezza: cm 160, peso:kg 50, regione di provenienza: Lazio, cappellino arcobaleno in testa, scollacciata, gonnellina a fiori, camicia azzurra aperta fino all’ombelico domenica, ore 17.00 circa:
-“Sto a cerca un libro tipo che devo comprà de ‘a serie: che devo fà, devo smette de studià o andà allavorà. Tipo che devo fà insomma.”
-“Non ricorda qualcosa che possa aiutarmi nella ricerca?”
-“Te posso da der tu?”
-“Certo”
-“Se te posso aiuta’ e’n tipo de libro de quer genere la’ pè e donne: che je tocca fa quanno finisce a scola?”
-“…pecchè una no o sa. E sì che ciavete un sacco de libbri che devono dì a e donne quello che je tocca fà coll’omini e cor sesso ma a me mè serve uno che me disce che devo fà quanno finisce a scola. Io ciavevo lautore scritto ma me so persa er bijetto”
-“Cerca forse un manuale di orientamento al lavoro piuttosto che una una guida all’università?”
-“Macchè nun ce senti? E no te dico. Mè serve uno che me dice che devo fà…”
-“Dopo qualche minuto di estenuanti ricerche senza frutto…”
-“Che a prossima vorta mo ‘o scrivo sopra alla mano cosi nu me lo scordo, nunte preocuppà grazie o stesso. E sei pure un bell’omo… cor capello brizzolato…!”

L’almanacco delle storpiature – pag.4


pag.4

Povero Marquez
“…Di uno colombiano”
“…Cento mesi di solitudine”

In cassa
-“Che mo o fai er pacco regalo?”
-“Certo, Signore”
-“E che mòò bèndi er prezzo?” (avete capito bene…: proprio dal verbo bendare)
-“Certo, Signore”
-“E te ringrazio proprio”
-“…Grazie a Lei, Signore”

Cucchiai e pentole
-“Pronto?”
-“Premessa, er numero vostro e’ uguale a quello di un elettrodomestici.. nun so ste sto a fa quello giusto”
-“Mi dica pure…”
-“Che cciai er servizio de cucchiari?, io volevo pure comprà a batteria de pentole quella co o sconto”
-“Mi spiace ma questi prodotti non li vendiamo…”
-“Me stai a dì che ho fatto er numero sbagliato…?”
-“Si, Signora.”
-“E allora voi che vennete?”
-“Libri, Film, Giochi e molti articoli commerciali…”
-“O vedi?, e allora pecchè nun ne vennete pure voi e còse pè la cucina cosi quanno uno che chiama e trova?”

La casa profumata
Una Signora
-“giovane…”
-“buongiorno, posso aiutarLa
-vojo er profumatore pè a casa, namìca m’ha parlato così bene de voi che ce semo messi a parà de profumi pe’ nòra”
-“eccoli qui…”
-“‘mazza se so fighi, mò nun ciò i sordi, me lo potete spedì a casa?”

I no che fanno crescere
La mamma alla bimba ( 1 anno circa..) dicendole di non toccare nulla:
“.. No Ginevra! no! no! Ti ho detto di no, N-O voce del verbo no!!!!”

Roma, grande libreria del centro
-“Pronto?, Buongiorno”
-“Buongiorno a Lei, Signore,”
-“Siete aperti anche oggi?” (1 novembre)
-“Certo Signore, posso aiutarla?”
-“Desidero sapere se è aperto anche il… bar interno. Devo venire a fare colazione.”
-“Si, Signore. E’ aperto anche il bar.”

Neuruda (da neuro + neruda)
Signora di mezza età che ancora però si tiene su.
-“Scusi?”
-“Prego mi dica.”
-“Cercavo uno che se chiama Deruda…Neruda..”
-“Si signora Neruda…venga le faccio vedere i titoli che abbiamo!”
Settore poesia..
Le mostro alcuni titoli, lei ne sfoglia uno e indignata me lo restituisce..
-“Ma questo è scritto in francese…!!!”
-“C’è la traduzione a fronte signora…vede da un lato italiano e dall’altro
lo SPAGNOLO!!!

Gabbianelle (da piccole gabbie molto coatti e poco di gabbiani)
Signore coatto accompagnato da nidiata di coattini.
-“me devi scusà…”
-“Prego mi dica!”
-“Sto a cercà ‘n romanzo ‘po’ vecchio…”
-“Dica pure…”
-“Me sembra (…) er gabbiano Flinston…”

Canti Pisani
Ecche’ ch’vaete un libro de uno … Nunn o so’ se scriveva libri …
e’ na cosa de Pisa, me pare se chiama…Ezra Pound …

Roma, stessa grande libreria del centro
Yourcenar e uno…
-“Mi scusi…”
-“Buongiorno Signora, mi dica…”
-“Avete un reparto dei libri di romanzi storici?”
-“Non esattamente, posso forse aiutarla?”
-“Si grazie. Cerco di Margherita Yourcenar, le memorie di…Magellano!”
…e due
-“Ce l’ha un reparto dei libri storici?”
-“Certo, posso aiutarla?”
-“Grazie si. Cerco il Testamento di Adriano.”

Cosa fare da grande
razza: europea, sesso: femmina, altezza: cm 160, peso:kg 50, regione di provenienza: Lazio, cappellino arcobaleno in testa, scollacciata, gonnellina a fiori, camicia azzurra aperta fino all’ombelico domenica, ore 17.00 circa:
-“Sto a cerca un libro tipo che devo comprà de ‘a serie: che devo fà, devo smette de studià o andà allavorà. Tipo che devo fà insomma.”
-“Non ricorda qualcosa che possa aiutarmi nella ricerca?”
-“Te posso da der tu?”
-“Certo”
-“Se te posso aiuta’ e’n tipo de libro de quer genere la’ pè e donne: che je tocca fa quanno finisce a scola?”
-“…pecchè una no o sa. E sì che ciavete un sacco de libbri che devono dì a e donne quello che je tocca fà coll’omini e cor sesso ma a me mè serve uno che me disce che devo fà quanno finisce a scola. Io ciavevo lautore scritto ma me so persa er bijetto”
-“Cerca forse un manuale di orientamento al lavoro piuttosto che una una guida all’università?”
-“Macchè nun ce senti? E no te dico. Mè serve uno che me dice che devo fà…”
-“Dopo qualche minuto di estenuanti ricerche senza frutto…”
-“Che a prossima vorta mo ‘o scrivo sopra alla mano cosi nu me lo scordo, nunte preocuppà grazie o stesso. E sei pure un bell’omo… cor capello brizzolato…!”

Lascia un commento