tu sei qui: Home Cross selling Ecco chi ama i libri nel nostro Paese
Domenica, 15 Maggio 2011 10:49

Ecco chi ama i libri nel nostro Paese

Scritto da redazione

Repubblica ha pubblicato un interessantissimo articolo sul profilo stilato da Istat sul lettore italiano. Donna, laureata, del Centro-Nord: è il ritratto del "lettore-tipo" secondo l'Istituto di ricerca, che ha pubblicato il rapporto annuale sulla lettura dei libri in Italia. E se è diffusa l'opinione che i giovani leggano poco, i dati dell'Istituto italiano di statistica dicono il contrario: i bambini e i ragazzi sono divoratori di pagine - il picco maggiore è tra gli 11 e i 14 anni - e il problema è proprio la disaffezione al libro a mano a mano che passano gli anni. Tuttavia, leggere nel tempo libero sembra piacere sempre di più agli italiani. Rispetto alll'anno precedente, nel 2010 l'Istat registra infatti un aumento della quota dei lettori di libri dal 45,1% al 46,8%. Tradotto in cifre, 26 milioni e 448 mila persone dai sei anni in su dichiarano di aver letto, per motivi non strettamente scolastici o professionali, almeno un libro nei 12 mesi precedenti. Nel complesso, diminuiscono leggermente le differenze di genere, mentre si allarga il divario territoriale e sociale.

clicca qui per leggere il resto dell'articolo su Repubblica

Letto 1920 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Classifiche

Vita di libreria

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.