tu sei qui: Home Piccoli lettori crescono L'Orso che non c'era
Lunedì, 19 Gennaio 2015 15:48

L'Orso che non c'era

Scritto da

L'orso che non c'eradi Oren Lavie e Wolf Erlbruch

C'era una volta un Prurito, sì avete letto bene, un Prurito. Tanto tempo fa, in una Fantastica Foresta, un normale Prurito grattandosi contro la corteccia di un albero si trasformò in un orso. E fu così che dove prima non c'era nessun orso, comparve un Orso che Non C'era.

 

 

“Chi sono io? Sono felice? Sono bello?” Si chiese l'Orso ritrovandosi solo in quel posto, così, munito di un largo sorriso rosso, saltellando e fischiettando, si avventurò nella Fantastica Foresta in cerca della propria identità.

 

Tutto era così nuovo intorno a lui e meraviglioso! Gli alberi sembrava che crescessero quando lui non li guardava, con sorpresa scoprì tanti tipi di silenzio e anche che il suo era il più silenzioso di tutti. Saltellando e fischiettando incontrò dei buffi personaggi, e ognuno di loro, inconsapevolmente, gli diede le risposte che stava cercando.

In ordine di apparizione incontrò la Mucca Mollacciona, molto simile ad un divano, e il Ramarro Rilassato, elegante ma stropicciato nel suo completo grigio.

 

Il Penultino Pinguino che trascorreva il suo tempo a pensare a Tutto ma proprio a Tutto senza lasciare agli altri niente a cui poter pensare. Per ultima incontrò la Taxi Tartaruga, che saggiamente, prudentemente, e piano piano lo condusse Avanti, proprio dove l'Orso voleva andare. E lì, L'Orso che non C'era, trovò la sua casa e ritrovò se stesso.

 

Dunque è nato prima il Prurito dell'Orso? Solo un bambino avrebbe potuto pensare una cosa simile oppure una mente capace di interrogarsi e stupirsi come quella di un bambino, elevando questo pensiero fino a farlo diventare una questione filosofica. E' Oren Lavie ( www.orenlavie.com) la mente, e questo è solo il suo primo libro, edito da edizioni e/o (www.edizionieo.it). E chissà se questa storia è nata sulla melodia di una sua composizione musicale, essendo lui, tra l'altro, anche un musicista affermato.

 

Surreale, ironico, filosofico, ottimista... è l'Orso che non C'era, così è anche la sua Fantastica Foresta, i personaggi che la abitano e così si diventa tutti leggendo questo libro. Sfogliando le pagine, tra la poesia e il divertimento, tra le parole e le immagini, ci si sente trasportati dentro quella Fantastica Foresta, a cercar risposte insieme all'Orso. E qui sta la magia di questo libro. Da leggere e rileggere per non perdere nulla delle sfumature di dialoghi e riflessioni interiori. Da guardare e riguardare senza stancarsi di osservare, attraverso le fronde degli alberi, quegli straordinari personaggi nati dall'immaginazione e dalla mano di Wolf Erlbruch, uno dei più grandi illustratori del mondo.

C'era il piccolo silenzio delle foglie, e il profondo silenzio del terreno,
e l'antico silenzio degli alberi.
E poi c'era il silenzio
che era il più silenzioso di tutti ed era anche il più difficile da individuare:
quello dell'orso stesso.
L'orso ascoltò attentamente
e seguì il suono del suo stesso silenzio,
che lo condusse nel cuore della foresta.

 

Autore

Oren Lavie, nato nel 1976 a Tel Aviv, dove vive. E' compositore, musicista e drammaturgo. Il suo album intitolato The Opposite Side of the Sea (2007) ha riconosciuto il premio ASCAP per i migliori testi. L'orso che non c'era è il suo primo libro.

 

Illustratore

Wolf Erlbruch è nato nel 1948 a Wuppertal, in Germania.E' considerato uno dei più importanti illustratori europei. HA insegnato illustrazione alla Bergische Universitat di Wuppertal fino al 200) Tra i numerosi riconoscimenti il premio Gutenberg della città di Lipsia alla carriera nel 2003 il premio speciale alla carriera del Deutscher Jugendliteraturpreis. Nel 2006 ha vinto il premio Andersen. Nel 2004 il Bologna Ragazzi Award per la categoria fiction. In Italia per le edizioni E/O sono usciti: La fabbrica delle farfalle ( Testo di Gioconda Belli), La signora Meier e il merlo, Il miracolo degli orsi, La grande domanda, Un paradiso per il piccolo Orso ( Testo di Dolf Verroen), La Creazione ( testo di Bart Moeyaert), La notte, I terribili cinque e L'anatra, la morte e il tulipano.

 

SCHEDA TECNICA

Titolo: L'orso ceh non c'era
Autore: Oren Lavie
Illustratore: Wolf Erlbruch
Traduttore: Silvia Manfredo
Editore: Edizioni e/o
Collana: Il baleno
Codice EAN: 9788866325581
Formato: brossura 24x29,5
Prezzo indicativo: €12
Età di Lettura: 6+

Letto 1712 volte
Altro in questa categoria: « Annalilla Poesie di Luce »
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.