tu sei qui: Home Cross selling Il bilancio amaro della vendita dei libri in Italia. Parte 2
Martedì, 22 Ottobre 2013 14:39

Il bilancio amaro della vendita dei libri in Italia. Parte 2

Scritto da Luigi Mascheroni

Anche BookAvenue, non senza sorpresa, aveva riportato qualche giorno fa le dichiarazioni di Gian Arturo Ferrari, decano dell'editoria italiana. Dichiarazione che, secondo BookAvenue, non hanno mai avuto il sapore di essere polemiche verso qualcuno, semmai registravano la presa d'atto di uno stato dell'arte piuttosto sconsolante. Le repliche, un po' strumentali (sempre secondo noi) dalla comunità dei libri, non si sono fatte attendere.

Il mondo del libro sta parecchio male. E anche Gian Arturo Ferrari non se la passa tanto bene. Ha detto che l'Italia dell'editoria non conta più nulla, e i suoi «colleghi» lo stanno massacrando a colpi di editoriali, interviste, appelli...

 

L'ultimo giorno della Buchmesse di Francoforte, una settimana fa, Ferrari - già grande capo della Mondadori e ora presidente del Centro per il Libro e la lettura (Cepell) - ha affidato al Corriere della sera una scoraggiata riflessione sullo stato (pessimo) dell'editoria italiana... È seguito dibattito. E nel dibattito, progressivamente, i toni si sono alzati parecchio. Contro il povero Gian Arturo. Mentre sulle pagine del «suo» Corriere intervenivano, marcando una certa distanza, Luigi Brioschi (gruppo Guanda) e Stefano Mauri (gruppo Mauri Spagnol), Christian Raimo sul blog minima&moralia gli consigliava di rivolgere la lamentatio contro se stesso, chiedendogli anzi di «passare la mano», cioè lasciare il Centro per il Libro.

Ieri, poi, giornataccia. Sulla «Domenica» del Sole24Ore Giuseppe Laterza - uno che scrive per sé, ma dietro ha un bel pezzo di intellighenzia - ha lanciato un siluro: caro Gian Arturo, gli ha di fatto detto, guarda che in questa catastrofe, tu che hai guidato per anni il maggior gruppo italiano e che ora dirigi un'istituzione pubblica «che dovrebbe esprimere la politica di promozione del libro e della lettura del nostro Paese (ma chi l'ha vista?», hai una responsabilità pesantissima... e vieni a fare la predica a noi? Su Repubblica, invece, in una cronaca dal Forum del Libro di Bari, Simonetta Fiori ricordava la «sorprendente» riflessione dalla Buchmesse e, poco dopo, registrando la dichiarazione di Massimo Bray sull'attività del Centro del Libro, faceva notare la differenza fra la linea del ministro e quella seguita finora da Ferrari. E dato che il secondo dipende dal primo...

Infine, buoni «ultimi», i piccoli editori. Ieri Paola Del Zoppo - che scrive come direttore della Del Vecchio Editore, ma potrebbe avere dietro moltissime piccole sigle - ha scritto sul blog Senzazucchero una velenosa lettera aperta dal titolo «Gian Arturo Ferrari rapito dagli alieni», chiedendosi, e chiedendogli, dove diavolo ha vissuto finora...

 

Luigi Mascheroni da Il Giornale

Letto 1479 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.