tu sei qui: Home Un libro per ogni segno Pesci
Pesci
Pesci

per i nati dal 20 Febbraio al 20 Marzo

Giovedì, 21 Luglio 2011 13:30

Pesci, Luglio-Agosto 2011

Pesci adorato, tu che sei nato per sbagliare perché non hai pregiudizi di sorta verso l’esperienza, tu che ignori i cartelli WARNING perché pensi sempre che qualcuno li abbia messi nei posti sbagliati, tu che sogni e che tutte le volte, al risveglio, ti stupisci della discrepanza dalla realtà, gettati in qualcosa che ti assomigli. Troppe volte noi di Bookavenue o gli amici ti avranno detto di ‘svegliarti’ ma quest’estate, continua a sognare e fallo con un capolavoro, che è:

Avventure della ragazza cattiva, Mario Vergas Llosa

Quando ritornai in camera da letto, la trovai con gli occhi spalancati.

-          Starai maledicendo il momento in cui mi hai risposto al telefono, - disse. – Sono venuta soltanto a crearti problemi.

-          Da quando ti conosco non hai fatto altro che crearmi problemi. È il mio destino. E contro il destino non c’è niente da fare. Guarda, prendi, se ne hai bisogno. È tuo. Però me lo ridai indietro.

E tirai fuori dal cassetto del tavolo da notte lo spazzolino Guerlain. Lo studiò divertita.

-          Possibile che continui a conservarlo? È la seconda galanteria della serata. Che lusso. E dove vai a dormire tu, si può sapere?

-          Il divano dell’ingresso è un divano letto, perché non ti faccia illusioni. Non hai la minima possibilità che dorma con te.

Rise un’altra volta.

Domenica, 12 Giugno 2011 21:01

Pesci, Giugno 2011

Le persone si dividono in due categorie, tra le tante possibili: ci sono quelle che quando sono depresse, si chiudono in se stesse per non dare fastidio al mondo, e poi ci sono quelle che invece parlano anche con gli sconosciuti in metropolitana di cosa li stia angustiando. Tu, caro mio del Pesci, oscilli costantemente tra questi due estremi: da un lato vuoi restare in disparte mentre il mondo, come volevasi dimostrare, può fare benissimo a meno di te, dall’altra però pretendi che gli altri siano sulla tua lunghezza d’onda e che sappiano cogliere i tuoi momenti no. Ma sai cosa potrebbe pensare la gente di te?

 

Libertà, Jonathan Franzen

Dall’esperienza con Molly Tremain aveva imparato che era meglio non tentare di salvare una donna che stava annegando, a meno che non fosse pronto ad annegare anche lui.

Mercoledì, 04 Maggio 2011 18:03

Pesci, Maggio 2011

Sempre così serioso e profondo, il fabbisogno di un libro leggero supera nel tuo caso quello del numero necessario di calorie al giorno per tenerti in vita. E tra tutti i manuali sui 100 modi in cui fare qualcosa, questo qui sembra il più adatto, perché ti traghetterà verso un sonno col sorriso sulle labbra e, si spera, verso sogni più leggeri e colorati. Corredato da grafici esplicativi, che le donne pesci troveranno ridondanti ma che gli uomini dello stesso segno quasi certamente tradurranno in appunti.

101 cose da fare a letto, Alberto Calligaris

ATTENZIONE. QUESTO LIBRO PUÒ ESSERE USATO DAL LETTORE COME CONTRACCETTIVO NATURALE

ISTRUZIONI ISTRUZIONI PER L'USO


1) Posizionare il libro tra le ginocchia, stringendo forte.


2) Sentirsi liberi di accettare qualsiasi scambio erotico avendo l’avvertenza di non lasciare mai cadere il libro. La pressione esercitata contro il libro impedirà naturalmente qualsiasi gravidanza indesiderata.


3) Se il libro dovesse in qualsiasi modo e per qualsiasi circostanza scivolare e cadere l’autore declina ogni responsabilità a riguardo.

 

Lunedì, 04 Aprile 2011 17:25

Pesci, Aprile 2011

Pesci, se le tue estenuanti strategie ti portassero a qualcosa, persino le stelle cambierebbero rotta e ti verrebbero fedelmente dietro anziché mettersi lì a dispensarti consigli. Siccome però di fatto non ne azzecchi una, tergiversi nei tuoi meandri muovendo passi falsi (falsi perché non si capisce mai se quello che stai dicendo è un sì o un no, se è un “provaci” o “non ti azzardare”), allora perentorietà è quel che ci vuole con te. LEGGI questo libro, e poi ne riparliamo:

Un delitto fatto in casa, Gianni Farinetti

È che se ami qualcuno – se scopri che ti piace, ti fa ridere, ti viene voglia di comprargli un maglione, di portarlo al mare, di dormire abbracciati – è naturale che prima o poi ti venga pure voglia di mettere su casa insieme, di decidere in due il colore delle piastrelle, di chi invitare a cena, di trascorrere insieme una settimana a Berlino, a Chicago, a Voghera! Altrimenti che senso ha? Ha senso prolungare all'infinito i fidanzamenti? Sempre in bilico tra casa tua e casa mia, i tuoi spazi e i miei? A rimbambirci con dei discorsi che girano a vuoto (che scivolano poi inevitabili in stucchevoli, appiccicose elucubrazioni psicanalitiche, che barba!). Mettiamo su famiglia una buona volta. Invecchiare insieme a qualcuno è o non è un naturale, sacrosanto desiderio, addirittura un diritto? Di certo, a lasciare che le cose vadano da sé, si rischia il nulla totale. Agguantati dal dèmone dell'immobilità.

«InizioPrec.1234Succ.Fine»
Pagina 1 di 4


Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione.
Proseguendo nella navigazione del sito, acconsenti all'utilizzo degli stessi. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.