tu sei qui: Home Storie Le cose belle che porta il cielo
Martedì, 05 Ottobre 2010 08:19

Le cose belle che porta il cielo

Scritto da

Dinaw Mengestu è uno scrittore statunitense di origine etiope.
E' nato ad Addis Abeba, in Etiopia, nel 1978.
Nel 1980 è emigrato negli Stati Uniti con la madre e la sorella, per raggiungere il padre, che era fuggito dalla rivoluzione comunista in Etiopia (quattro anni dopo la caduta di Haile Selassie e tre anni dopo il colpo di stato comunista).
Si è laureato alla Georgetown University e ha scritto per Harper's, Jane e Rolling Stone.

Il suo romanzo d'esordio, "Le cose belle che porta il cielo" (2007, in Italia lo stampa Piemme), ha ricevuto numerosi riconoscimenti (ha vinto, tra l'altro, il Guardian First Book Award 2007) e raccolto elogi dalla critica per la sua descrizione delle esperienze degli immigrati in America.

L'illusione della terra delle opportunità, l'isolamento e la frustrazione della vita degli immigrati rappresentano i temi centrali attorno a cui ruota questa coinvolgente storia (il protagonista Sepha Stephanos è alla ricerca "di una sorta di casa ... quello che penso sia un sentimento universale e piuttosto comune" ha detto Mengestu in una recente intervista).

"Le cose belle che porta il cielo" è stato particolarmente elogiato dal New York Times Book Review come un "grande romanzo africano, un grande romanzo di Washington e un grande romanzo americano".
La sua scrittura, intelligente e riflessiva, è stata paragonata a quelle di Bellow, Fitzgerald e Naipaul e ci fa capire come locale e globale siano inseparabili e quanto la politica sia così fortemente intrecciata alla nostra vita.

Il romanzo è ambientato interamente a Washington DC ed è una miscela di realtà e finzione. Una narrazione struggente e potente, un romanzo profondamente sentito che merita di essere letto.  

Secondo il mio punto di vista non può essere definito un romanzo africano e neppure un romanzo afro-americano. E' un romanzo sull'America con tutte le sue identità contrastanti che tocca molti aspetti troppo spesso ignorati.


Dinaw Mengestu, Le cose che porta il cielo, 2009, 235 p., brossura, traduzione di L. Piussi, Piemme (collana Bestseller).

Letto 2653 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Vita di libreria

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.