Stampa questa pagina
Domenica, 30 Maggio 2010 08:51

Intervista a Paul Auster

Scritto da Paola Manduca

foto autorePaul Auster è stato definito "uno dei più grandi romanzieri viventi America" da più di un giornale o rivista letteraria o, comunque la si guardi, da molta parte delle comunità intellettuali esistenti.”
Il suo ultimo romanzo, Invisibile , si apre a New York nel 1967 con il protagonista Adam Walker di 20 anni. Lui è un aspirante poeta e studente della Columbia, che incontra il francese Rudolf Born, un veterano e studioso dei conflitti francesi in Algeria. Quest’ultimo offrirà al giovane la possibilità di fondare una rivista grazie al lascito di una eredità. Il rapporto conseguente porta Walker a Parigi, dove incontra Cecile, uno studiosa ambiziosa e fiorente, in California, dove vive i suoi giorni scrivendo le storie della sua vita.

Scritto in quattro parti, Invisibile, il 15 ° romanzo di PA scandaglia il significato della narrazione, di paternità e di verità, e penetra il complesso rapporto tra memoria e identità.
Ho avuto la possibilità scambiare una decina di domande con l'autore per discutere del suo nuovo romanzo, il suo approccio alla scrittura, i terrori della guerra, l'esplorazione della gioventù di Invisibile, sua moglie, la (mia amata) scrittrice Siri Hustvedt , e come il modo in cui Auster scrive è cambiato nel corso di tempo.

 

 

copertinapotete scaricare l'intervista nel pdf allegato
o leggerla sul secondo numero di BookAvenue dedicato alla letteratura americana su pubblicata su Issuu

Letto 3234 volte

Articoli correlati (da tag)

Devi effettuare il login per inviare commenti