tu sei qui: Home Premiopoli Il volto giovane del Premio Campiello 2014
Domenica, 14 Settembre 2014 01:49

Il volto giovane del Premio Campiello 2014

Scritto da redazione

Lui, Giorgio Fontana, è davvero giovane: il più giovane supervincitore della storia del premio Campiello e sicuramente il più piccolo della banda dei cinque approdata alla finale della edizione 2014 dell'evento più blasonato di Premiopoli. Ha vinto con il romanzo pubblicato da Sellerio, "Memorie di un uomo felice", la storia di un giudice in lotta contro il terrorismo ambientato a Milano sul finire degli anni ottanta.

 

 

All'autore non è sembrato vero. Sorpreso, quanto tutto il resto della gente, ha detto immediatamente dopo il ritiro del premio che lo prende come un incoraggiamento a fare ancora meglio. Il presidente della confindustria del Veneto, sponsor della manifestazione, ha risposto che il premio d'ora in avanti andrà in questa direzione; incubatore di nuovi talenti letterari. Mauro Corona era dato per favorito ma si è piazzato al terzo posto dietroMichele Mari che, per Einaudi, concorreva con Roderick Duddle. Seguono al quarto e quinto posto, Giorgio Falco con "La gemella H", sempre per Einaudi, e Fausta Garavini con "Le vite di Monsu" pubblicato da Bompiani.

Molto belle le parole di Mauro Corona a favore del non ancora vincitore del premio parlando di Fontana come un ragazzo "incontaminato e pulito"; parole riferite a Neri Marcorè e Geppi Cucciari che hanno presentato l'edizione del premio per la seconda volta e andata in onda sul canale la7! A questo proposito, appare in tutta evidenza la ritirata strategica della Rai un po' da tutti i programmi culturali dove l'unico appuntamento con i libri è la rubrica…Billy in coda al tg di mezzogiorno della domenica: 5 minuti in tutto!

Giorgio Fontana è arrivato alla scrittura per vocazione e senza la partecipazione a nessun talent-show che vanno molto di moda oggi. Lavora in una software factory e la sera, dopo il lavoro, scrive come spesso si è sentito dire. Ha, con la stessa passione, scritto altri tre quasi tutti passati con buone recensioni ma senza tanto clamore per l'autore e successo di vendite per i libri: per Sellerio ha già pubblicato nel 2011 "Per la legge superiore", per Mondadori nel 2007 i "Buoni propositi per l'anno nuovo" e per l'editrice Zona, "La velocità del buio" (2011).

Nella serata, dove si sono ricordati i cento anni della nascita di Giuseppe Berto, anch'esso vincitore del premio giusto cinquant'anni fà, Claudio Magris ha ricevuto il premio alla carriera.

Letto 1796 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.