Premiopoli 2011. Il Bancarella inaugura la stagione

Il Premio Bancarella ha aperto la stagione dei premi letterari presentando, come ormai tradizione, nei locali di Banca Cesare Ponti a Milano, i sei i libri vincitori del Premio Selezione Bancarella 2011.

A piccoli colpi di remo di Alberto Cavanna (Arte Navale),
Lepanto di Alessandro Barbero (Laterza),
La fine del mondo storto di Mauro Corona (Mondadori),
Il romanzo dei mille di Claudio Fracassi (Mursia),
Dictator – Il trionfo di Cesare di Andrea Frediani (Newton Compton) e
Non chiedere perché di Franco Di Mare (Rizzoli),

sono stati selezionati tra i volumi pubblicati in Italia negli ultimi dodici mesi, per aver conseguito secondo il giudizio dei librai, interpreti attenti e sensibili del gusto del pubblico dei lettori, un chiaro successo di merito e di vendita.

Tra questi volumi, il 17 luglio a Pontremoli, i 200 librai grandi elettori sceglieranno il vincitore della 59ma edizione del Premio Bancarella. Una sestina tutta italiana che sembra avere la storia come filo conduttore: dai trionfi di Cesare all’analisi degli eventi che hanno portato alla battaglia in cui l’Europa cristiana inflisse ai turchi una sconfitta catastrofica, dalla “folle” impresa di “una banda di filibustieri” che ha riunito l’Italia al formidabile atto di amore compiuto sullo scenario della guerra fratricida della ex Jugoslavia, dai racconti di mare che, al passare dei secoli, ripropongono immutati i pensieri e le paure degli uomini al destino di un mondo che, consegnato nella mani incaute dell’uomo, cadrà in un gelido inverno, ma che gli stessi uomini, resi uguali dalle difficoltà, sapranno condurre ad un futuro più giusto e pacifico.

Alla presentazione erano presenti, gli autori vincitori, i Direttori commerciali delle principali Case Editrici e i Librai del Bancarella. Il Prof. Giuseppe Benelli, Presidente della Fondazione Città del Libro di Pontremoli ente organizzatore del Premio, nel presentare i volumi ha annunciato che quest’anno in occasione del Premio Bancarella, dal 9 al 17 luglio, Pontremoli sarà animata da una serie di eventi, che saranno denominati “9 giorni di libri”, con una fiera del libro, incontri culturali e promozione del territorio anche attraverso la degustazione di prodotti tipici.
Il segretario del Premio Enrico Polverini ha annunciato che i Librai hanno conferito l’incarico di Presidente del Premio per l’edizione 2011 a Gianrico Carofiglio, vincitore dell’edizione 2005 con il volume Il passato è una terra straniera edito da Rizzoli, quale giusto riconoscimento per la sua carriera e per il successo riportato dai suoi innumerevoli romanzi che hanno avuto parte fondamentale nella promozione del libro e della lettura.

Il Premio Bancarella nasce dalla tradizione dei Librai Pontremolesi che, unici in Italia, già alla fine del ‘700 partirono dall’alta Lunigiana, terra di grande emigrazione, dal paese di Montereggio, per portare, con le loro gerle, i libri nelle città e nei paesi della pianura Padana e poi, di generazione in generazione, capillarmente in tutta l’Italia del nord, dove ancora oggi gestiscono importanti librerie dagli storici nomi: Tarantola, Lazzarelli, Giovannacci, Lorenzelli, Bertoni per citarne soltanto alcuni. Nell’agosto del 1952 si svolse il primo raduno dei Librai Pontremolesi, a cui parteciparono scrittori, editori e uomini politici, come l’allora ministro Giovanni Gronchi, e l’editore Valentino Bompiani, e dove si decise di dare vita al Premio Bancarella, gestito esclusivamente dai librai. Nel 1953 fu assegnato il primo Bancarella a Ernest Hemingway con “Il vecchio e il mare”, anticipando per la prima volta il Nobel; le altre due volte saranno Pasternak, con “Il dottor Zivago”, e Singer, con “La famiglia Moscat”.
 
Il premio ha visto crescere il numero degli elettori, per estendere alle librerie di tutto il territorio nazionale la scelta del volume vincitore, ma non ha mutato la sua natura: è un premio popolare, non assegna riconoscimenti in denaro e la scelta del vincitore è affidata unicamente ai librai, importante tramite tra il lettore e lo scrittore.
Il Collegio degli Elettori, composto da 200 librai indipendenti italiani, esprimerà, presso un notaio, la propria preferenza tra i sei libri selezionati. Il pubblico, in una vera e propria festa popolare nella Piazza della Repubblica di Pontremoli la sera del 17 luglio alle 21.00, seguirà in diretta lo spoglio dei voti da parte del notaio.

 

Lascia un commento