tu sei qui: Home Letture La "ricerca" di Federico Caffè
Mercoledì, 18 Aprile 2012 20:24

La "ricerca" di Federico Caffè

Scritto da Antonio Capitano

copertina libro amorosoCi sono libri che arrivano nel momento giusto come se accendessero delle luci per illuminare cose e persone. E’ il caso dell’emozionante volume di Bruno Amoroso “Federico Caffè” Riflessioni della stanza rossa Castelvecchi Edizioni. Il libro “arriva” nel momento dei 25 anni esatti dalla scomparsa del Maestro, avvenuta alle prime luci dell’alba del 15 aprile 1987.
Quello di Amoroso deve considerarsi una sorta di “audiolibro” ; leggendo le avvincenti e “attuali” righe pare di sentire il suono della penna sulle carte, di ascoltare le sue parole, i suoi passi e i suoi silenzi.
E’ un volume delicato che esalta la dignità di Caffè, mentre Amoroso sembra osservarlo con discrezione prendendo per osmosi tutto quello che è stato l’insegnamento del Maestro. Il libro sublima il concetto di amicizia; Amoroso porta il lettore a conoscenza di confidenziali scritti dai quali già si intuisce chiaramente la scelta “finale” di Caffè. Una scelta consapevolmente libera come è stata tutta la sua vita di grande uomo e intellettuale autorevole e, oggi, universalmente riconosciuto.

E allora dopo 25 anni dovrebbe finalmente terminare ogni retorica. A lui sono stati dedicati libri, saggi, articoli, film sullo “sfondo” della sua scomparsa. Ma oggi più che mai occorre dedicare a Caffè lo spazio doveroso tra i più grandi di sempre dell’economia, ruolo che egli si è conquistato con fatti, scritti e comportamenti. Occorre applicare il suo insegnamento e darne attuazione concreta nei fatti che contano nella vita e che incidono sulle condizioni dei cittadini. Mi permetto, pensando al prezioso lavoro di Amoroso, di dissentire, con rispetto, dall’opinione di Ermanno Rea (il quale al Maestro ha dedicato uno splendido romanzo “L’ultima lezione”) quando afferma che il ricordo di Caffè è legato al mistero della sua scomparsa. Questo a mio avviso è vero solo per coloro scelgono di leggere il romanzo di Rea, e non educati nella scienza economica, non hanno avuto modo e occasione di cimentarsi con il pensiero del Maestro. Per gli altri, e sono tanti, il ricordo di Caffè è legato invece alla forza delle sue idee e alla sostanza delle sue fondamentali teorie economiche e sociali.
Quindi oggi più che mai è necessario ricordarlo non più e non solo per la sua scomparsa, ma per la sua presenza e per quello che ha trasmesso con la sua lungimiranza. Mi piacerebbe che anche sulle pagine dei giornali non venga soltanto sublimato in “terza pagina” ma soprattutto su quelle dell’economia, sulla “sua” economia per la quale si è speso con convinzione, tenacia meritando quel Nobel che dovrebbe spettare ai grandi innovatori della società.
Caffè ha cessato di essere presente sulla scena quando le sue parole non sono state più ascoltate; ma come accade ai grandi quelle parole vivono sempre e da piccoli ruscelli si sono via via trasformati in torrenti, in cascate aventi la capacità di travolgere i sistemi “viziati” e corrotti irrorando l’arida terra di uno stato sociale mortificato dalle emergenti operazioni cosmetiche della nuova finanza speculativa a danno del bene comune, del benessere e comunque di una società più umana e più giusta.
La vita di Caffè – autentico Riformista – è stata una continua ricerca.
Ecco perché chi lo ha amato continua la sua “ricerca” ogni giorno e non solo quando si parla solo della sua libera scelta per congedarsi dignitosamente da quella che non riconosceva più come la sua “società”.
Egli, oltre ad essere uomo giusto diceva quel che pensava, sia quando produceva i suoi contributi scientifici sia quando esternava le sue “profezie” e le sue valutazioni di politica economica.
Libertà di pensiero e visione etica sono una faccia della stessa medaglia perché si è liberi di dire ciò che si pensa solo se si è integri moralmente. E Federico Caffè era così. E lo splendido libro di Bruno Amoroso lo conferma pagina dopo pagina, con uno sguardo attento sui momenti di vita del Professore che sapeva parlare, ascoltare e riflettere.
ANTONIO CAPITANO

 

Letto 3822 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.