Stampa questa pagina
Domenica, 15 Novembre 2009 11:11

Wu Ming, Altai

Scritto da francesca schirone

copertinaIl ritorno dei personaggi e delle ambientazioni di Q in uscita da Einaudi il 17 Novembre. Con Q esordiva, nel 2000, il collettivo Luther Blissett, oggi Wu Ming. Un esordio di grande successo, in Italia come all'estero. A distanza di quasi dieci anni il collettivo torna alle sue origini con un nuovo romanzo, Altai, che di Q riprende le ambientazioni e alcuni dei personaggi.
E tra battaglie epocali - Nicosia, Famagosta e lo scontro finale di Lepanto -, intrighi e scontri di civiltà Wu Ming firma un romanzo avvincente che presenta tutti gli ingredienti che hanno reso Q un successo internazionale.

Così Wu Ming 4 ha parlato del nuovo romanzo: «Altai per noi è stata l'occasione per tornare sul "luogo del delitto", al nostro romanzo d'esordio che è anche il nostro più noto, con molte traduzioni all'estero. La scelta è stata determinata da tanti fattori, sommovimenti interni al collettivo e il senso di un ciclo che si stava compiendo. Avevamo bisogno di raccontare lo sforzo di cambiare il mondo, al centro di Q, in chiave più problematica e con un protagonista diverso, non più lo straniero senza nome. Ma abbiamo scelto ancora un io narrante, un protagonista che incontra alcuni dei personaggi che hanno popolato le pagine di Q, quindici anni dopo il suo epilogo. Tra loro anche il protagonista di Q, ormai settantenne e con una diversa consapevolezza.
Ma Altai non è semplicemente un sequel di Q, è un romanzo diverso, diverso il ritmo e la percezione del mondo dei personaggi. Il teatro però è lo stesso di Q, il Mediterraneo orientale. Siamo ancora nell'impero ottomano, un mondo complesso che ci ha riservato molte sorprese». fs 15-11

Letto 1730 volte

Articoli correlati (da tag)

Devi effettuare il login per inviare commenti