tu sei qui: Home Cross selling L'Europa a due marce nella vendita dei libri
Sabato, 06 Febbraio 2016 08:28

L'Europa a due marce nella vendita dei libri

Scritto da Il giornale della libreria

Una importante analisi sulla situazione delle vendite dei libri nel vecchio continente, è stata pubblicata da A.Lolli per il Giornale della libreria. Mentre in alcuni Paesi - compreso il nostro -  i segnali di ripresa si sono fatti registrare con forza (v.la ricerca di Peresson, anticipata sulle nostre pagine), non succede lo stesso per alcuni altri importanti Paesi di lingua tedesca.

Il mercato del libro tedesco ha registrato nel 2015 una sensibile riduzione del fatturato rispetto al 2014. Secondo i dati rilevati da Gfk Entertainment per conto della Börsenverein des Deutschen Buchhandels, l’Associazione degli editori e dei librai tedeschi, infatti il calo nel giro d’affari è risultato pari a -1,7%. Anche negli altri due Paesi con popolazione a maggioranza di lingua tedesca – Austria e Svizzera – sono state rilevate diminuzioni nel 2015. Per il Paese elvetico il calo è addirittura pari a -5,7%.

 

 

Questi risultati sono in netta controtendenza rispetto a quelli rilevati negli altri Paesi europei: oltre che in Italia, infatti anche in Francia, Regno Unito, Spagna e Paesi Bassi il 2015 si è chiuso con un segno positivo per i mercati del libro. Non solo in Europa però si sono registrati aumenti. Negli Stati Uniti e in Canada per esempio si sono avuti incrementi delle vendite, pari rispettivamente al 2,8% e all’1%.

Se si osservano i dati dei tre Paesi suddivisi per categoria, emergono alcune differenze, seppure quasi sempre caratterizzate da segni negativi. Per quanto riguarda il mercato tedesco infatti, tutte le categorie hanno subito una diminuzione di vendite nel 2015, fatta eccezione per la saggistica che ha registrato un +1,6% rispetto al 2014. Le vendite del settore della saggistica avevano registrato un segno positivo anche nel 2014, pari però al 5,4%.

In Austria si sono avuti segni positivi, oltre che per la saggistica, con un +3,3% anche per le guide turistiche (+4,7%) e per i testi specialistici tecnico-scientifici (+3,6%). Profondo rosso invece per la Svizzera, dove tutte le categorie hanno registrato diminuzioni di vendite rispetto al 2014: la saggistica per esempio, positiva per gli altri due Paesi, ha subito un calo dell’8,6%. La Schweizer Buchhändler und Verleger-Verband, l’Associazione degli editori e dei librai svizzeri, ha evidenziato, come una delle possibili cause dei risultati negativi del mercato elvetico, la decisione dell’anno scorso della Banca nazionale svizzera di sganciare il franco dall’euro, con la rimozione della soglia del tasso di cambio tra le due valute, che ha portato a un apprezzamento del franco sulle principali valute estere.

 

il resto dell'articolo, a cura di A.Lolli per Il giornale della libreria, corroborato con alcuni grafici esplicativi lo trovate al seguente link

la redazione di BookAvenue

Letto 1191 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

Classifiche

Vita di libreria

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.