tu sei qui: Home Michele Genchi
Sabato, 10 Ottobre 2009 08:31

Philip Roth, Everyman

copertinaChi ha visto il film Ti presento Joe Black, sa a cosa mi riferisco. William Parrish, un magnate dei mezzi di comunicazione, si accinge a festeggiare il sessantesimo compleanno, circondato dalle figlie Susan, medico in ospedale, e Allison, sposata con Quince. Allison in particolare sta curando i preparativi per allestire una grande festa nella residenza di famiglia fuori città. William è in un momento un po' confuso della propria vita e del lavoro, quando si presenta alla porta di casa un misterioso giovane che dice di chiamarsi Joe Black. Joe è la Morte. Arrivata per avvertire William che la sua ora sta per giungere ma anche della sua decisione di volerlo seguire da vicino nei giorni successivi e fare esperienza sul campo attraverso la sua, regalandogli altro tempo. Lui che non ha vissuto, desidera comprendere la difficile arte della vita aiutandolo, peraltro, a sistemare le sue cose e la sua azienda... in attesa che il destino si compia. Joe incontra Susan e, avendo assunto le sembianze di un giovane che lei aveva incontrato tempo prima, cominciano a frequentarsi e innamorarsi.

Martedì, 26 Ottobre 2010 08:44

Una storia in apparenza complicata

Libro nuovo di Roth che esce, recensione del sottoscritto che trovi.
Chiunque abbia familiarità con il lavoro di Philip Roth sa che Nathan Zuckerman è una sorta avatar di Roth nel suo universo immaginario. Questo avatar mi insegue dal Lamento di Portnoy, leggi Carnovsky, fino ai suoi ultimi libri con Nathan Zuckerman. Entrambi fanno i conti della loro vita con l'ebraismo, coabitano con i sentimenti di duplicità tra l'esistenza quasi sempre tormentata e il legame alla fede e le ricadute di essa sulla loro esistenze. Entrambi hanno problemi con il matrimonio e la famiglia, sono entrambi ossessionati dal sesso; è giusto quindi che Controvita sia l'ennesima sintesi di Roth e il suo avatar Zuckerman. Roth non si presenta di persona, come in alcune altre opere. Piuttosto, l'autore diventa un personaggio attraverso il risultato dei contenuti semi-biografici.

Domenica, 24 Ottobre 2010 12:28

L'Italia che (non) legge

copertinaLe statistiche ci dicono che in Italia si legge poco, drammaticamente meno che negli altri paesi. Il lettore forte, come l'Istat definisce chi legge almeno un libro al mese, è una persona che non fa parte della maggioranza degli italiani, è fuori dalla "norma", E il futuro che si annuncia non sembra migliore. Le differenze per genere, fascia d'età, area geografica, livello culturale e sociale non solo si confermano ma si radicalizzano...

Il BookAvenue Book Festival 2010 si chiude con un indiscutibile successo. Desideriamo condividerlo con tutti coloro che hanno partecipato a questa festa e che hanno consultato, con 45.000 visite, le pagine di questo sito nella sua brevità. 
I conti li faremo più tardi e ve li faremo conoscere.

Abbiamo voluto dedicare alla letteratura d'esordio un pò di visibilità e anche di speranza. Sappiamo quanto sìa difficile il lavoro della piccola editoria per difficoltà distributiva e promozionale e lo spirito che muove le azioni che stanno dietro il nome di una casa editrice.
Se non altro, abbiamo "smosso le acque" e messo un pò di disordine nelle vite degli autori per qualche giorno. E' stata, speriamo, una bella esperienza per i giovani talenti che hanno presentato le loro opere e ai quali, va il nostro più caldo augurio di farle conoscere ad un più ampio pubblico.

E' tempo di ringraziare, quindi.

Non è passato inosservato il tifo quasi da stadio per Sara Cicolani, Romano Fiocchi e Massimiliano Naglia; desideriamo augurare il meglio a tutti gli autori: Gianluca Massimini, Flavia Campana, Cosma Urrai, Maurizio Centi, Giovanni Lancella, Sara Consonni, Mauro Cavina, Lori Serra, Maurizio Centini, Ernesto Berretti, Bartolomeo Bellanova, Umberto D'Agostino, Vincenzo Bosica, Grazia Frisina, Bruno Panbarco, Lorenza Bernardi, Stefania Campanella, Romano Fiocchi, Alessandro bastasi, e Chiara Patarino, questi ultimi due, i primi ad arrivare alla città virtuale del Festival.
Ancora grazie per avervi preso parte.

Un abbraccio affettuoso alle meravigliose donne di questo sito: Carla Casazza, Valeria Merlini, Paola Manduca e Agnese Trocchi. Grazie.

Agli uomini e alle donne della stampa periodica e dei siti nel web che ci sono stati di grande aiuto per far conoscere questo evento: grazie di cuore a tutti.

L'appuntamento è rimandato al prossimo anno nello stesso periodo. Il sito rimarrà consultabile per le prossime settimane; al momento non abbiamo ancora deciso di "spegnerlo". Vedremo.

Arrivederci.
Michele Genchi

Giovedì, 07 Ottobre 2010 11:40

A Vargas Llosa il Nobel della letteratura 2010

foto autoreScrittore, giornalista e politico fra i più importanti del suo tempo, Mario Vargas Llosa è un artista a tutto tondo, capace di sfornare romanzi che sfiorano il sublime così come di impegnarsi in battaglie civili che assorbono gran parte delle sue energie (anche se lui si definisce uno schiavo volontario e felice della letteratura). Fine polemista, ama l'affondo paradossale e il resoconto vivace delle sue disavventure e delle sue idee.
Nato a Arquipa (Perù) il 28 marzo 1936, cresciuto in Bolivia fino ai dieci anni, dopo la riconciliazione dei genitori torna a vivere in Perù. Ma il rapporto col padre è conflittuale e il futuro scrittore finisce in un collegio militare. La letteratura diventa un'evasione che lo accompagnerà per tutti gli anni universitari.
Studia prima a Lima per poi trasferirsi a Madrid e lì concludere il percorso universitario.

Ci siamo chiesti per molto tempo se un sito che parla di libri come i nostro dovesse occuparsi anche di letteratura per ragazzi (o per l’infanzia, per non indispettire la nostra nuova collega sin da subito).Certo che sì è stata la risposta. Ma i nostri diversi interessi ci hanno impedito di affrontare il tema nonostante una certa dose di entusiasmo che ci vuole per convincere i genitori ad andare in libreria a comprare i libri che avremmo segnalato. Ragione per cui abbiamo procrastinato la nascita di una sezione dedicata ai ragazzi aspettando le competenze di un nuovo collega che avrebbe dato vita e impulso alla nuova rubrica.

La pazienza è stata premiata con l’arrivo di Isabella Paglia, scrittrice e illustratrice di libri per l’infanzia (qui la sua biografia) che da oggi curerà per BookAvenue la sezione dal nome evocativo “Piccoli lettori crescono”. Il vostro appuntamento con i suoi consigli di lettura, segnalazioni e notizie dal mondo dei libri per ragazzi (ops…) sarà settimanale e siamo convinti vi piacerà.


Per dirla alla Paola Manduca in una delle nostre numerose discussioni alla ricerca del giusto talento: per chi ama la letteratura per l'infanzia e per l'adolescenza anche se ormai è un pò cresciuto...per chi sogna davanti alle fiabe classiche come ai nuovi romanzi, per chi desidera scoprire nuovi autori, per chi sta ancora aspettando Peter Pan al davanzale della sua finestra. Per chi desidera sviluppare la propria creatività, giocare e confrontarsi con chi è simile o diverso da lui. Per chi vorrebbe conoscere nuovi amici, per condividere la proprie conoscenze, le proprie abilità, i propri pensieri. Per chi crede che crescere significhi anche rimanere un pò bambini. Per chi fa il difficile mestiere di genitore.

Per voi, amici di BookAvenue: grandi o piccoli che siate.

Lunedì, 27 Settembre 2010 06:56

Apertura del BookAvenue Book Festival 2010

Cominciano oggi gli allestimenti delle piazze, delle biblioteche e delle sale nella città virtuale che ospita il BookAvenue Book Festival 2010 e che accoglieranno gli Autori e i loro libri.
Tutto è pronto e tutto funziona.
Ai nuovi Autori diamo il nostro benvenuto e agli autori già presenti nella prima edizione, diamo il nostro più affettuoso bentornati. Le nostre mail saranno i punti info del festival dove, all'occorenza, sapremo farvi da guida. Qualsiasi risposta non sarà una risposta qualsiasi.
Buon giorno!

Giovedì, 16 Settembre 2010 16:06

Paola Calvetti libraia per un giorno

foto autoreElegia per una scrittrice

Paola Calvetti è una donna di grande coerenza e serietà professionale. Tempo addietro, parlando sul suo blog del rapporto autore libreria, ha ribadito con convinzione e forza l'idea che lo scrittore trova senso compiuto del proprio mestiere se, nella difficile e complessa filiera della comunicazione autore lettore, comunica direttamente al libraio il senso vero dei sentimenti che animano le opere che fanno di ogni scrittore quello che è.

Domenica, 22 Agosto 2010 11:52

Straniero alla mia storia.

foto autore

Aatish Taseer è cresciuto da laico, in una India pluralista.
Questa affermazione, che più di tale, sembra il manifesto di un programma politico, spiega il resto di quest'articolo se avrete la pazienza di leggerlo.
E vi conviene secondo me, perchè sto parlando di una delle più belle esperienze di lettura che ho fatto quest'anno.
Il libro è: Strange to history. A Son's journay through Islamic Lands (tr.Einaudi, Straniero alla mia storia Il viaggio di un figlio attraverso le terre dell'islam)

foto autoreDue anni fa, una miscela velenosa di cattiva economia,unitamente ad una regolamentazione molto permissiva, ha fatto saltare letterarlmente in aria il sistema finanziario degli Stati Uniti causando la sua fase discendente e ripida dai tempi della Grande Depressione.
Gli antidoti alla crisi, architettati da molti dei giocatori che hanno suscitato la sbobba tossica originaria, hanno fatto peggio tirando l'economia americana quasi sul baratro.
E tali rimedi non impediranno crisi future. Joseph Stiglitz, vincitore nel 2001 del Premio Nobel per l'economia, analizza quanto accaduto e le prospettive future in "Caduta libera. L'America, i liberi mercati e l'economia mondiale (Freefall, Norton).


 

 

 

Ipiccoli lettori hanno cambiato indirizzo!
Più contenuti, più indici,
una sola bussola: la vostra!

Newsletter

 

 

Sostieni l'impegno di BookAvenue

BookAvenue ha aggiornato le privacy policy coerentemente ai dispositivi GDPR. Questo sito NON fa uso di cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici e di terze parti per garantire una miglior esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies.

 

BookAvenue ha avviato una azione di crowdfunding a sostegno delle attività del sito. Desideriamo allargare la base di offerta media di BookAvenue con la nascita di YouBook, il canale video e con BARB la nostra rivista di culture letterarie interamente online. Il progetto lo raccontiamo in una pagina dedicata.