Andy Fletcher e i Depeche Mode

Andrew Fletcher, tastierista e membro fondatore della band elettronica britannica Depeche Mode è morto all’età di 60 anni. Fletcher lascia una moglie, Grainne, con la quale è stato sposato per quasi 30 anni, e due figli, Megan e Joe. Una dichiarazione rilasciata dalla band sui social media dice: “Siamo scioccati e pieni di schiacciante tristezza per la prematura scomparsa del nostro caro amico, membro della famiglia e il compagno di band Andy ‘Fletch’ Fletcher.”
Ecco: ci ho messo un mese per scrivere questo incipit e molti mesi per scrivere un nuovo pezzo. Chi mi legge conosce la mia sofferenza e la difficoltà sempre maggiore di mettere mano alla tastiera.

Formatasi a Basildon alla fine degli anni ’70, la band ha avuto 17 album nella Top 10 del Regno Unito e ha avuto successo nelle classifiche internazionali con canzoni tra cui Enjoy The Silence, Personal Jesus e Just Can’t Get Enough.La band ha continuato dicendo nella loro dichiarazione: “Fletch aveva un vero cuore d’oro ed era sempre lì quando avevi bisogno di supporto, una conversazione vivace, una bella risata o una pinta fredda. I nostri cuori sono con la sua famiglia e vi chiediamo di tenerli nei vostri pensieri e di rispettare la loro privacy in questo momento difficile”.

Fletcher è nato nel 1961 a Nottingham, la città di Robin Hood e del cattivo sceriffo. Si era trasferito a Basildon dove aveva formato la band Composition Of Sound alla fine degli anni ’70 insieme a Martin Gore e Vince Clarke. Con l’assunzione del cantante Dave Gahan cambiarono il loro nome in Depeche Mode: il quartetto ha continuato a godersi una serie di successi nelle classifiche dei primi anni ’80.

Con la partenza di Clarke, che ha poi formato gli Yazoo e, successivamente, gli Erasure, Gore divenne il capo-cantautore e, con l’aggiunta di Alan Wilder, il sound della band prese una svolta più oscura e più gotica. Hanno avuto un enorme successo internazionale tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90. Ha suonato in tutti gli album in studio dei Depeche Mode, inclusi Songs Of Faith And Devotion del 1993 e Ultra del 1997, pezzi che hanno entrambi raggiunto il numero 1 nella classifica degli album nel Regno Unito.

Non essendo il cantante o il principale cantautore, Fletcher è stato spesso considerato dai fan come la figura del manager all’interno della band, che si occupava del lato commerciale di un gruppo accreditato di aver venduto più di 100 milioni di dischi in tutto il mondo. Nel 2013 disse a un intervistatore di essere “il ragazzo alto sullo sfondo, senza il quale questa società internazionale chiamata Depeche Mode non avrebbe mai funzionato”. Nel documentario del 1989 “101” del regista DA Pennebaker, basato sulla 101a data del tour Music For The Masses della band, Fletcher è stato ancora più discreto sul suo ruolo, dicendo “Martin è il cantautore, Alan è il bravo musicista, Dave è il cantante; io vado in giro con loro”. Wilder si è licenziato nel 1995, lasciando il gruppo in tre pezzi. La band è stata inserita nella Rock and Roll Hall of Fame nel 2020.

Il mio due di coppia è in una valle di lacrime da settimane. Anche se grande cultore jazz, il rock-cafè, per intendere il pop inglese degli anni ’80, gli è sempre piaciuto moltissimo: I DM ma anche i Cure, i Tears for Fears per non parlare di Alan Parson Project di cui ancora conserva i vinili.

Alcune reazioni. Uno dei primi artisti a rendere omaggio è stato Lol Tolhurst, membro fondatore dei Cure, che ha detto di conoscere e considerare Andy un amico. Abbiamo incrociato molti degli stessi percorsi degli uomini più giovani. Il mio cuore va alla sua famiglia, ai compagni di band e ai fan”. La cantante di Yazoo, Alison Moyet, che ha registrato per la stessa etichetta discografica dei Depeche Mode, ha detto di conoscere Fletcher fin dall’infanzia: “Compagni di classe per etichettare i compagni. Lui che ha mantenuto la fede con tutta la vecchia banda e loro con lui. Non ho parole.”

Così sia.

 

Francy Schirone per Podcast, la rubrica che... quando posso

 

da YouTube un classico: Enjoy the silence.  Buon Ascolto

Depeche Mode, Enjoy the silence
https://youtu.be/aGSKrC7dGcY

Lascia un commento