tu sei qui: Home Piccoli lettori crescono Il lettore infinito. Educare alla lettura tra ragioni ed emozioni
Sabato, 12 Settembre 2015 19:26

Il lettore infinito. Educare alla lettura tra ragioni ed emozioni

Scritto da

L'esito di questa preziosa esperienza è che ci consente di acquisire consapevolezza sull’importanza sociale della lettura di letteratura. Ed è una consapevolezza che, una volta acquisita, non si dimentica più. Si scopre in prima persona come la lettura ˗ l’intera esperienza del Reading Circle ˗ trascenda l’intrattenimento, l’intimità serale, o il quotidiano valore funzionale, per offrirci immagini con cui pensare e strumenti per creare e ri-creare il vero significato delle nostre vite individuali e sociali. Taluni direbbero, o lamenterebbero persino, che si tratta di un modo per investire il discorso letterario, nelle sue accezioni più serie, di un significato metafisico, se non addirittura religioso. E, personalmente, ritengo che sia proprio così.

Che la lettura, sia compiuta autonomamente dai bambini quando sono in grado di farlo, sia quella partecipata attraverso la lettura ad alta voce, o la lettura autonoma o partecipata degli albi illustrati in età prescolare e non, sia di fondamentale importanza per il processo di crescita psichica dei bambini fin dalla loro nascita è un dato oramai incontrovertibile sul quale sono stati spesi fiumi di parole e sono state condotte mirabili ricerche scientifiche, ampiamente condivise.

 

Questo libro tuttavia, scritto da uno dei più stimati scrittori di libri per ragazzi e critico letterario, Aidan Chambers, e frutto della sintesi di due precedenti volumi dello stesso autore, The Reading Enviroment e Tell Me. Children, Reading and Talk, conduce l’analisi oltre l’importanza della lettura e come fare per educare ad essa, per rispondere alla domanda del perchè sia cosi fondamentale leggere letteratura.

La pista tracciata nel Il Lettore infinito si fonda sull’esperienza diretta dell’autore come insegnante, un percorso condiviso con molti colleghi per più di vent’anni e che ha portato all’elaborazione di un modello operativo attraverso il quale lavorare con i bambani per stimolare in loro non solo il piacere della lettura ma anche il loro innato senso critico.

Il libro si divide nella sua essenza in due parti (nonostante formalmente siano quattro le sezioni: La selezione; La “Lettura”; La risposta del lettore; L’educatore alla lettura): la prima fa riferimento al diagramma del Reading Circle, nel quale, in una sequenza circolare a doppio senso di lettura, sono evidenziati gli aspetti più importanti per stimolare nei giovani lettori il piacere dell’approccio al libro e della lettura. Le considerazioni e i consigli che l’autore offre dall’accessibilità dei libri, all'individauzione di uno spazio consono e costruito ad hoc per il momento della lettura in classe, o ancora sulle occasioni da costruire insieme ai colleghi per creare attività condivise intorno al libro (come per esempio gli incontri con l’autore o la creazione di mostre di libri) possono apparire, soprattutto a chi già lavora da anni con i bambini, piuttosto semplici, se non addirittura ovvie. Eppure credo che vedere tali consigli codificati in modo schematico e argomentato aggiunge valore ad azioni a volte dettate più dal buon senso e dalla passione personale, piuttosto che da un modello di riferimento testato, come quello proposto dall’autore.

La parte tuttavia più entusiastamente e radicale del percorso epistemologico dell’autore sta invece nella consapevolezza, maturata da Aidan Chambers nella relazione pluridecennale con i suoi bambini, che è possibile sviluppare in loro lo spirito critico nei confronti della lettura e dei libri.

Dall’esigenza di dare conto a questo innato spirito critico dei bambini nasce il progetto Tell Me: un progetto che pone al centro i bambini, i libri e il gruppo dei pari, con l’intento di stimolare, attraverso domande specifiche, riflessioni acute e profonde sui libri letti e condivisi con i compagni. La funzione in questo caso dell’educatore è quella di facilitatore, al fine di creare un ambiente non censorio, nè imposto dall’alto, ma ri-creativo dei molti significati che un libro cela nel suo dispiegarsi narrativo.

Il progetto prende il nome proprio da un’accortezza, indivuata nell’aiutare i bambini a esprimersi e a dire quello che pensano a proposito dei libri letti: all’affermazione del bambino sull’apprezzamento o meno di un libro, Aidan Chambers ritiene che l’insegnante non debba chiedere «Perchè?». La posizione diseguale tra bambino e adulto farebbe risultare la domanda “indagatoria, aggressiva e minacciosa”, oltre al fatto di risultare così ampia nella sue possibiità da scoraggiare il bambino. La semplice affermazione «Dimmi...» produce invece un approccio dinamico e aperto che espone l’insegnate ad accogliere qualsiasi opinione il bambino si trovi ad esprimere.

Da qui il progetto si è costruito nel tempo, strutturando nella pratica una serie di azioni messe in campo dall’insegnante per consentire ai bambini di individuare nei libri letti, strutture narrative, tematiche, appronfondimenti sulla base delle proprie conoscenze personali, fino ad individuare il significato profondo di un testo, perchè, dice Aidan Chambers:

quello che mi interessa sottolineare non è tanto la conversazione in sé, quanto il ruolo che essa gioca nella crescita di lettori riflessivi, critici e appassionati.

E quindi nella crescita di esseri umani capaci di interpretare il mondo che li circonda e dare senso al proprio essere nella storia in modo consapevole e creativo, tracciando il proprio percorso di originalità. Questo deve essere il fine ultimo della lettura di lettaratura. E questo libro ne è testimonianza e strumento davvero ineguagliabile.

E per cominciare provate a scrivere il vostro Diario delle letture, come suggerisce Aidan Chambers, ponendovi le stesse domande che poi rivolgerete ai bambini, facendovi strumento dunque di consapevolezza e di critica presso voi stessi, prima che verso i vostri discepoli.

Buona lettura e buono inizio di anno scolastico alle bambine e ai bambini e ai loro insegnanti!

Informazioni tecniche

Titolo: Il lettore infinito. Educare alla lettura tra ragioni ed emozioni.

Autore: Aidan Chambers

Editore: Equilibri

Codice: EAN 978-88-905808-2-6

Formato: 20,5x14 cm

Pagine: 189

Prezzo indicativo: € 16 cartaceo

Letto 1877 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti


BookAvenue usa i cookies. 
Usando il sito ne consenti implicitamente l'utilizzo. 
Se desideri saperne di più, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies