tu sei qui: Home Cross selling Visualizza articoli per tag: rapporto aie
Visualizza articoli per tag: rapporto aie

Cresce il mercato del libro in Italia nel 2016, segnando complessivamente (libri di carta, ebook e audiolibri) un +2,3%, raggiungendo così quota 1.283 milioni di euro riferiti al settore varia nei canali trade (librerie, librerie on line e GDO). È questo il principale dato di sintesi dell’analisi dell’Ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) sul mercato del libro 2016 che è stata presentata da Giovanni Peresson il 27 gennaio, nella giornata conclusiva del XXXIV Seminario di Perfezionamento della Scuola per Librai Umberto e Elisabetta Mauri a Venezia.

Pubblicato in Cross selling

Come di consueto, l'ufficio studi dell'Aie - l'associazione di categoria degli editori, ha trasmesso le analisi di mercato riferito all'intero 2015 e al primo semestre 2016. La relazione è assai confortante e mostra una - sia pur modesta - ripresa in fatto di consumi librari e di crescita in numero dei lettori. A beneficio dei lettori ne diamo informazione con un assaggio lasciando a quanti lo desiderano di scaricare il rapporto qui.

Il mercato del libro italiano torna ufficialmente a crescere dopo quattro anni di crisi. Lo dicono i numeri, e non solo quelli del fatturato. Il settore si lascia alle spalle il più lungo periodo di flessione – di vendite e lettori - che la filiera italiana del libro abbia avuto dal dopoguerra in poi. Il trend è oggi definitivamente positivo, come confermano tanto il 2015, quanto il primo semestre del 2016.

Pubblicato in Cross selling
Venerdì, 02 Novembre 2012 15:10

I libri e la crisi

Entra in una zona d'ombra il mercato del libro nel 2011 e peggiora, in modo deciso ma in linea con tutti gli altri segmenti, nel 2012: -3,7% il giro d'affari lo scorso anno (secondo i dati Nielsen, canali trade), -8,7% (sempre dati Nielsen, canali trade) nei primi nove mesi del 2012. Diminuisce nel 2011 anche la lettura: sono oggi 25,9milioni gli italiani che leggono almeno un libro in Italia, 723mila meno del 2010.
Cresce e si diversifica invece l'offerta editoriale: aumentano i titoli e le copie immesse sul mercato, diminuiscono i prezzi medi e si consolida il segmento dell'ebook. Sullo sfondo, la legge Levi sul prezzo del libro e una crisi profonda: per la prima volta negli ultimi 3-4 decenni il mercato del libro, che aveva mostrato storicamente un andamento anticiclico (andava meglio nei momenti peggiori del quadro economico e sociale, e viceversa), si allinea al negativo contesto generale dei consumi. Sono questi gli elementi principali che fotografano il mercato 2011 e i primi nove mesi del 2012 così come risulta dal Rapporto 2012 a cura dell'ufficio studi dell'Associazione Italiana Editori (www.aie.it, disponibile anche in ebook).

scaricate la sintesi a questo indirizzo
http://www.aie.it/Portals/3/Convegni/Sintesi2012.pdf

Pubblicato in Cross selling

Rispetto a un calo generalizzato dei consumi culturali il mercato editoriale registra luci e ombre rispetto all'anno precedente: è questo quanto emerge dai principali indicatori, che nel 2009 hanno evidenziato una diminuzione del giro di affari (-4,3%) e della produzione dei titoli (-0,5) ma al tempo stesso una crescita del fatturato nei canali trade (+3,5) e un ulteriore aumento della lettura di libri (+1,1). Ciò che si è consolidato è il nuovo fenomeno degli e-book che, secondo le stime, valeva nel 2009 lo 0,03 del mercato complessivo (1,1 milioni di fatturato) ma che già a Natale 2010 raggiungerà la quota dello 0,1 % sul totale, triplicando il suo fatturato a 3,4 mil di euro.

 

leggete il rapporto sullo stato dell'editoria in Italia 2010

Pubblicato in Cross selling

(fonte Aie)“Il settore della cultura, è un comparto industriale vero e proprio, in grado di generare profitto e creare occupazione” - così Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria nel suo saluto introduttivo alla prima uscita pubblica di Confindustria Cultura Italia, la Federazione Italiana dell’Industria Culturale, che raccoglie al suo interno 10 Associazioni che si riferiscono ai settori del cinema, dell’audiovisivo e dello spettacolo (AGIS, ANICA, APT, UNIVIDEO), della musica (AFI, FIMI, PMI), dell’editoria (AIE, ANES) e dei videogiochi (AESVI).

Pubblicato in Cross selling

(fonte Aie) Occupa per fatturato e titoli pubblicati la settima posizione mondiale e la quinta in Europa. Nonostante ciò, sono cifre contraddistinte dal segno meno quelle che connotano l'editoria italiana nel 2008: 3,5miliardi di euro di giro d'affari (-3%), circa 59mila titoli pubblicati(2mila in meno dello scorso anno per 235milioni di copie (-12%)
Per fotografare in modo corretto il settore occorre però considerare anche altri due elementi positivi: nel 2008 è tornata a crescere la lettura in Italia (oggi il 44% degli italiani legge almeno un libro l'anno e, elemento fondamentale, gli effetti del rallentamento globale nel settore del libro sono risultati meno forti rispetto ad altri del consumo culturale.

leggi il rapporto (in download)

Pubblicato in Cross selling

Dopo un periodo in cui la lettura nel nostro Paese aveva segnato passi lenti ma decisi nella crescita - dal 1999 al 2006 - lo scorso anno è stato il primo in cui si è assistito a una inversione di tendenza, confermata non solo dall'Istat ma anche da altre indagini (Ipsos, Nielsen). Questa situazione non modifica affatto le note caratteristiche strutturali di un mercato in cui il perimetro risulta tra i più stretti in europa.

Pubblicato in Cross selling


BookAvenue usa i cookies. 
Usando il sito ne consenti implicitamente l'utilizzo. 
Se desideri saperne di più, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies