tu sei qui: Home Visualizza articoli per tag: marco crestani
Giovedì, 08 Settembre 2011 12:30

E' sabato mi hai lasciato e sono bellissimo

Ema ha quasi vent'anni, è da qualche giorno che ha finito la maturità, ma non ha la minima idea di cosa farà da grande perché "per cominciare il futuro" c'è sempre tempo.
Si crede Paul Newman o "al limite anche Humphrey Bogart" e ha tutta l'estate davanti per sentirsi bruciare dal sole e vivere intensamente nel suo piccolo grande mondo fatto di partite a biliardo, croissant caldi, asciugamani stesi sulla spiaggia, poesie di Baudelaire e donne dalle gambe lunghissime…

Pubblicato in Storie
Domenica, 19 Giugno 2011 15:23

Ragazzi perduti del Sudan

Nel corso della guerra civile in Sudan, Valentino Achak Deng viene separato a forza dalla famiglia quando una milizia araba distrugge il suo villaggio. Si unisce ai cosiddetti ragazzi perduti e con loro cammina per settimane attraverso il deserto, sotto le bombe delle forze militari governative, per sfuggire alla violenza della guerra.
Soffrirà la fame e la sete, mangerà frutti mai visti, erbe, foglie, carcasse di animali oppure nulla per giorni interi. Scavalcherà mine divenendo preda di bestie feroci e uomini assetati di sangue.

Pubblicato in Storie
Giovedì, 09 Giugno 2011 06:25

Il viaggiatore incantato

Il viaggiatore incantato di Nikolaj Semënovič Leskov (Gorohovo, 16 febbraio 1831 – San Pietroburgo, 5 marzo 1895) è una girandola di avventure e sventure improbabili raccontate dal protagonista a un pubblico che viaggia su un battello sul lago Ladoga.
Leskov è uno dei maestri del racconto breve nella letteratura russa e ha scritto un prodigioso numero di racconti in una grande varietà di generi.

Pubblicato in Storie
Giovedì, 05 Maggio 2011 07:33

Una scrittura brillantemente visiva

Ho letto questo libro nell'arco di diversi mesi e spesso ne rileggo qualche passo per assaporarne l'intensità luminosa con cui si evocano persone incontrate, luoghi visitati, cose viste e atmosfere.
Gli emigrati è un libro che sfida i generi, ma anche le stesse categorie di narrativa e saggistica.
La scrittura di WG Sebald è brillantemente visiva. Ciò che colpisce è la sua capacità di trasmettere non solo il dettaglio che colpisce i sensi, ma le sfumature emotive di ciascuno di questi momenti.

Pubblicato in Storie
Sabato, 16 Aprile 2011 14:14

Un classico strano e meraviglioso

Melville ha dimostrato di essere un genio con opere come Moby Dick, Billy Bud, e Bartleby.
Moby Dick è un capolavoro della letteratura americana e viene tuttora considerato uno dei più grandi romanzi di tutti i tempi, ma può indubbiamente essere una lettura difficile.
Un romanzo definito un poema epico, una tragedia, un documentario sulla vita a bordo di una baleniera del diciannovesimo secolo, un saggio sulla caccia alle balene, una curiosità non classificabile, una potente allegoria sugli archetipi del bene e del male, ma anche un'autobiografia spirituale.

Pubblicato in Storie
Domenica, 27 Marzo 2011 11:46

Tutto il grande dramma umano

Elizabeth Strout fa parte di una generazione di scrittori americani che, per fortuna, continuano a scrivere coinvolgente e appassionante letteratura.
Olive Kitteridge è stato definito "un romanzo di racconti" perché ognuno dei tredici racconti che lo compone è indipendente rispetto all'altro (la sua struttura è insolita, ma il messaggio è penetrante).
Leggetene uno a caso e avrete una fotografia istantanea della vita costiera del New England nei dettagli attraverso un particolare e ricercato gioco di luci e ombre (combinato con sentimento struggente e poetico).

Pubblicato in Storie
Domenica, 09 Gennaio 2011 13:23

Immenso Roberto Bolaño

"2.666", capolavoro postumo dello scrittore cileno Roberto Bolaño, si presenta come una compilation di pezzi di varia lunghezza. E' però un'opera "sinfonica" in cui Bolaño non racconta una storia coerente, ma è più interessato alla ricerca e allo sviluppo di temi.

Un'opera "immensa" di stupefacente ambizione espressamente composta di cinque libri distinti tra loro che differiscono, a volte in modo molto sottile, non solo nel tono e nel timbro, ma anche nel genere (Bolaño gioca con i generi), saltando dalla satira accademica al thriller psicologico.

Pubblicato in Storie
Martedì, 14 Dicembre 2010 15:03

Prove di risposta.

copertinaAvevo promesso a Marco Crestani una risposta. Eccola.
Avvertimento ai lettori: mi sono spinto un pò più in là con le parole. Alcune di queste potrebbero sembrarvi delle vere e proprie parolacce. Secondo me non lo sono, essendo queste, inserite in una - diciamo così - economia del discorso più generale. I tutori del protocollo Internet e Minori sono avvisati.

Pubblicato in Reading room
Lunedì, 06 Dicembre 2010 09:37

Matto o santo folle?

Ogni libro di Ian McEwan è una lettura obbligata, se non altro per godere della sua notevole capacità narrativa. "Solar" è di sicuro un buon romanzo, ma, secondo il mio punto di vista, non è affatto un grande romanzo.
E' una storia surreale su una delle più gravi minacce al nostro mondo come il riscaldamento globale e, a differenza di qualsiasi suo scritto precedente, è dichiaratamente comico.

Pubblicato in Storie
Martedì, 26 Ottobre 2010 07:17

Una storia in apparenza semplice

Come Paul Auster si svegliò una mattina da sogni inquieti e si trovò trasformato in un cane... sembrerebbe (ma non lo è) l'incipit giusto per un racconto come "Timbuctú", una storia apparentemente semplice narrata dal punto di vista di un cane.
Auster è conosciuto come uno scrittore a cui piace sperimentare, mettersi in gioco. Forse per questo è uno degli autori più originali e meno prevedibili.
Chi ama la sua scrittura liscia come la seta riconoscerà in "Timbuctú" alcuni temi familiari come la natura della solitudine e della memoria, il padre perduto e il figlio abbandonato, il confronto tra l'individuo e il vuoto...

Pubblicato in Storie
«InizioPrec.12345678Succ.Fine»
Pagina 4 di 8



BookAvenue usa i cookies. 
Usando il sito ne consenti implicitamente l'utilizzo. 
Se desideri saperne di più, leggi la nostra politica di privacy sez.cookies